Cherubini e la bufera Juve, dalle dimissioni respinte alle intercettazioni su Paratici e CR7

Cherubini e la bufera Juve, dalle dimissioni respinte alle intercettazioni su Paratici e CR7

Massimo Sbardella

Cherubini e la bufera Juve, dalle dimissioni respinte alle intercettazioni su Paratici e CR7

Gio, 01/12/2022 - 12:51

Condividi su:


Intanto la Procura di Torino chiede il rinvio a giudizio di 12 dirigenti e della società | La nota della Juventus

Dopo la bufera che ha portato le dimissioni in blocco di tutti i vertici societari della Juventus, anche l’allenatore Massimiliano Allegri e il direttore sportivo, il folignate Federico Cherubini, erano pronti a farsi da parte. Ipotesi respinta da Agnelli, con seguente giro di telefonate – come rivela la Gazzetta dello Sport – ai calciatori, per rassicurarli sulla prosecuzione della gestione sportiva, almeno in questa stagione.

Intercettazioni e giustizia sportiva

Su Cherubini sono poi uscite diverse intercettazioni, pubblicate dalle varie testate nazionali. Parole che fanno tremare i tifosi bianconeri, che temono penalizzazioni della squadra, con lo spettro, addirittura, di una nuova retrocessione in B, dopo quella seguita all’inchiesta Calciopoli. Perché se la vicenda plusvalenze ha portato ad una doppia assoluzione al termine dell’indagine sportiva che ha coinvolto la Juventus e altri 10 club, ora il timore è sulla manovra stipendi, ipotizzata dalla Procura di Torino.

E tornano i fantasmi di quella Calciopoli che il capo dell’area business della Juventus, Stefano Bertola, evoca con preoccupazione parlando in un locale torinese, il “Cornoler”, la sera del 22 luglio 2021, insieme a Cherubini. I due non sanno che gli inquirenti hanno piazzato delle microspie.

Paratici “senza freni”

Parlando di Paratici, Cherubini rivela i tentativi fatti, invano, per fermare quel sistema su cui poi la Procura di Torino ha deciso di indagare: “Io l’ho detto a Fabio: ‘E’ una modalità lecita, ma hai spinto troppo’. E lui mi rispondeva: ‘Non ci importa nulla, perché negli scambi se metti 4 o metti 10 è uguale, nessuno ti può dire nulla”. Ribadendo che “Fabio”, Paratici appunto, “ha avuto carta libera”.

Sempre su Paratici, Cherubini racconta: “Si poteva svegliare la mattina e firmare 20 milioni senza che nessuno gli dicesse niente…”.

Anche in un’intercettazione pubblicata da la Repubblica si parla di Paratici senza freni, soprattutto venuto meno il “freno” Marotta. E’ sempre durante quella cena che Cherubini parla del cosiddetto “libro nero di Paratici”, poi trovato dagli inquirenti durante una perquisizione.

La “carta Ronaldo”

La Stampa, quotidiano di Torino, pubblica poi un’intercettazione in cui Cesare Gabasio, capo del pool legale della Juventus, spiega al telefono a Cherubini: “La carta segreta di Ronaldo (Cristiano, ndr) non doveva saltare fuori perché se succede ci saltano alla gola, tutto sul bilancio, i revisori e tutto. E poi ci tocca fare una transazione finta”.

Le 13 richieste di rinvio a giudizio

Intanto la Procura di Torino ha chiesto il rinvio a giudizio di 12 dirigenti della Juventus e della società, relativamente all’indagine sui bilanci 2019, 2020 e 2021. Le ipotesi di reato riguardano plusvalenze fittizie e manovre sugli stipendi dei calciatori.

La nota della Juventus

Questa la nota ufficiale diramata dalla Juventus:

In riferimento a quanto riportato da alcuni organi di stampa – nel pieno rispetto della magistratura e degli organismi regolatori del mercato, e pur ribadendo la massima fiducia nelle autorità giudicanti – JFC precisa quanto segue.

A seguito dell’avvio del procedimento Consob di accertamento di presunte non-conformità contabili (luglio 2021), conclusosi in data 19 ottobre 2022, con gli esiti resi pubblici da Juventus con i due comunicati del 21 ottobre e 20 novembre 2022, e a seguito dell’acquisizione degli atti del fascicolo penale (a seguito della notifica dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari il 24 ottobre 2022), gli organi sociali di Juventus hanno proseguito il processo di rigorosa e scrupolosa valutazione di tutte le contestazioni contabili rivolte con riguardo ai bilanci di Juventus (2019/2020 e 2020/2021 e, a cascata, 2021/2022).

Sulla base di un solido set di pareri di primari professionisti legali e contabili, il board di Juventus è pervenuto, con compattezza, alla conclusione unanime da parte dei nove consiglieri in carica alla data del 28 novembre 2022, che:

  • Il trattamento contabile adottato nei bilanci contestati rientra tra quelli consentiti dagli applicabili principi contabili;
  • le contestazioni della Procura non paiono fondate e non paiono, peraltro, né quanto a presupposti, né quanto a conclusioni, allineate con i rilievi contenuti nella delibera Consob del 19 ottobre 2022; infatti, la Procura afferma l’artificialità di plusvalenze e la fittizietà delle rinunce stipendi, mentre Consob contesta un valore considerevolmente minore di plusvalenze, peraltro senza menzione di falso in bilancio, e non contesta l’efficacia giuridica delle rinunce stipendi, né, con specifico riguardo alla c.d. “manovra stipendi” 2020/2021, la natura giuridicamente non-vincolante, delle c.d. scritture integrative in corso di negoziazione nell’aprile/maggio 2021;
  • la correzione dei bilanci (i.e. restatement), con il limitato profilo delle c.d. “manovre” stipendi 2020 e 2021 è stata decisa in via di adozione di una prospettiva di accentuata ed estrema prudenza e ha effetti contabili ritenuti, anche con l’ausilio di esperti indipendenti , di ordine non rilevante, in particolar modo sul patrimonio netto della Società al 30 giugno 2022;
  • Juventus confida, infine, che, proprio in ragione della ritenuta assenza di qualsivoglia alterazione dei bilanci contestati, le conclusioni delle autorità sportive (che già si sono espresse, con riguardo al tema plusvalenze, in senso favorevole a Juventus) non cambieranno: in assenza di alcuna alterazione contabile, ogni sanzione sportiva risulterebbe del tutto infondata.

Nella convinzione di aver operato sempre correttamente, Juventus FC intende far valere le proprie ragioni e difendere i propri interessi, societari, economici e sportivi, in tutte le sedi.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!