Campello, via al 2° stralcio dei lavori sul Santuario della Madonna della Bianca

Campello, via al 2° stralcio dei lavori sul Santuario della Madonna della Bianca

share

A Campello sul Clitunno al via il secondo stralcio dei lavori per la riqualificazione e il consolidamento del Santuario della Madonna della Bianca. Il finanziamento è stato erogato dalla Regione Umbria per altri 200 mila euro che vanno a sommare all’investimento di oltre 400 mila euro finanziato dalla Regione Umbria, dal Comune di Campello e da alcune imprese e privati cittadini del territorio, con il quale è stato possibile rendere nuovamente agibile il Santuario ormai due anni fa.

Già le opere del primo intervento sono state molto consistenti per quello che riguarda il consolidamento sismico, il rifacimento del tetto e il consolidamento del transetto e dei solai della canonica. Con i fondi dei privati, in quel contesto, è stato possibile ritinteggiare l’interno della chiesa ed effettuare altri importanti lavori di riqualificazione. Gli operai comunali, a loro volta, hanno realizzato una serie di interventi all’interno e, in primo luogo, la risistemazione dell’impianto elettrico.

I lavori appena iniziati sono eseguiti dalla ditta Filippetti Costruzioni e riguarderanno una serie di azioni che renderanno definitivo l’intervento avviato nel 2008. “Tra le opere più significative – sottolinea il Sindaco di Campello Paolo Pacifici – verrà realizzato il consolidamento della navata e della piccola cupola al centro dell’edificio, verrà istallato l’impianto di riscaldamento, saranno effettuate ulteriori azioni di consolidamento del tetto, si provvederà alla riqualificazione del campanile e alla risistemazione del bagno della canonica.”

L’intervento prende il via contemporaneamente all’inizio dei lavori di risistemazione del tratto di strada adiacente all’abside dell’edificio sacro, dove era posizionata un tempo la pesa pubblica. Con 36 mila euro finanziati dalla Comunità Montana, in questo spazio sarà ricavato un attraversamento pedonale, un’area verde, dei cordoli per meglio indirizzare il traffico e una nuova illuminazione.

share

Commenti

Stampa