Banche sempre aperte, i dipendenti: subito il vaccino Covid

Banche sempre aperte, i dipendenti: subito il vaccino Covid

Redazione

Banche sempre aperte, i dipendenti: subito il vaccino Covid

Sab, 20/02/2021 - 11:44

Condividi su:


I sindacati del settore credito, esattorie e assicurazioni scrivono all'assessore Coletto chiedendo l'inserimento tra le categorie prioritarie per i vaccini

Chiedono di essere vaccinati al più presto i dipendenti delle banche, servizi essenziali che sono sempre rimasti attivi durante la pandemia Covid. Eppure, i lavoratori del settore non sono stati finora inseriti tra quelli da vaccinare prioritariamente.

Per questo le segreterie umbre delle organizzazioni sindacali FABI-FIRST/CISL-FISAC/CGIL-UILCA/UIL-UNISIN, che rappresentano i dipendenti dei settori del credito, delle assicurazioni e delle esattorie dell’Umbria, hanno scritto all’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto.

I sindacati evidenziano che i dipendenti delle banche svolgono un’attività
riconosciuta ai sensi di legge, in particolare la legge 146/1990 – recante disposizioni in materia di servizi pubblici e di salvaguardia dei diritti della persona costituzionalmente tutelati – qualificata come essenziale,
dal momento che erogano servizi finanziari fondamentali a beneficio del sistema economico e quindi delle famiglie e delle imprese della regione.

Erogazione di servizi svolta senza soluzione di continuità fin dall’inizio della fase pandemica, nel pieno rispetto dei Protocolli sanitari e di settore, stipulati a livello nazionale fra le organizzazioni sindacali e le associazioni datoriali ABI e Federcasse, “a garanzia della tutela della salute di chi in banca lavora ma anche della stessa clientela”.

Chiesta la vaccinazione prioritaria

Per questo i sindacati chiedono che i lavoratori del settore bancario e assicurativo, svolgendo appunto un servizio pubblico essenziale, siano inseriti nel piano vaccinazione tra i soggetti a cui verrà somministrato il vaccino in via prioritaria, similmente con quanto già avvenuto nei confronti di altre categorie professionali.

Coronavirus, quando andare in banca
si può e quando è reato: le segnalazioni dei dipendenti

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!