All'Umbria oltre 900mila euro da fondo "sport e periferie" - Tuttoggi

All’Umbria oltre 900mila euro da fondo “sport e periferie”

Redazione

All’Umbria oltre 900mila euro da fondo “sport e periferie”

Ecco i Comuni che ne beneficeranno | premiati 23 giovani atleti per merito sportivo e scolastico
Gio, 13/10/2016 - 19:42

Condividi su:


Con grande soddisfazione abbiamo appreso dello stanziamento di oltre 900mila euro ottenuto per ben 7 interventi che potranno essere realizzati, attraverso il fondo ‘Sport e Periferie’, in altrettanti impianti sportivi dell’Umbria: è un premio alla progettualità e all’impegno che sappiamo esprimere per la promozione e lo sviluppo delle attività sportive“. Lo ha detto il vicepresidente e assessore allo Sport, Fabio Paparelli, che stamani, insieme al presidente del Coni Umbria Domenico Ignozza, all’amministratore delegato del Coni Servizi Alberto Miglietta e di Mauro Esposito, in rappresentanza dell’Ufficio scolastico regionale, ha preso parte alla cerimonia che si è svolta a Palazzo Donini durante la quale sono state consegnate borse di studio di 1000 euro a 23 giovani atleti umbri che si sono distinti per merito sportivo e scolastico.
I sette interventi che il Coni ha proposto alla Presidenza del Consiglio dei ministri per l’inserimento nel Piano degli interventi infrastrutturali da attuare in questa fase con il fondo ‘Sport e periferie’ – ha spiegato Paparelli – sono relativi a strutture di proprietà pubblica di Amelia, Città della Pieve, Gubbio, Paciano, Panicale e due a Terni. Sei su 7 riguarderanno la rigenerazione di centri o palestre polivalenti, l’altro il completamento del pattinodromo di Terni. Interventi – ha proseguito – che si aggiungeranno a quelli che saranno cofinanziati dalla Regione, per un importo di 500mila euro, attraverso il nuovo bando per l’impiantistica sportiva con cui abbiamo voluto dare priorità ai progetti dei piccoli Comuni con popolazione fino a 10mila abitanti, con l’obiettivo di una maggiore diffusione della pratica sportiva e dell’ospitalità di grandi eventi sportivi”.
“Stiamo inoltre cercando di creare in Umbria due poli di eccellenza – ha aggiunto – Già abbiamo stanziato risorse per il primo stralcio di lavori al Palasport di Perugia e stiamo cominciando a progettare il palazzetto dello sport a Terni”.

A Città della Pieve – Sarà la riqualificazione dell’impianto sportivo di via Fra Bartolomeo da Castel della Pieve a Città della Pieve, meglio noto come “campo nero”, a beneficiare del contributo del Governo previsto dal fondo “Sport e Periferie”. E’ stato annunciato dal presidente del consiglio Matteo Renzi e dal presidente del Coni Malagò il piano degli interventi, e tra quelli da finanziare (tra i 7 dell’Umbria) spicca anche Città della Pieve. “Lo sport allena a costruire la comunità ed è un investimento anche sanitario. Il Presidente Renzi ha parlato di sport come collante della comunità – spiega il sindaco Fausto Scricciolo -, come base del benessere. Insomma è l’indice di un paese forte che innalza gli indicatori della qualità della vita. Città della Pieve esprime queste qualità e deve svilupparle. Per questo abbiamo indicato un progetto che mira ai giovani, a quei circa 150 ragazzi del calcio giovanile pievese, costretti a causa delle condizioni del campo a ruotare sulle varie strutture del comune. Ci sono altri interventi da fare, si ricercano soluzioni per ampliare l’offerta e migliorare gli spazi coperti non più sufficienti e adeguati. Adesso abbiamo optato per l’intervento che avrebbe consentito, anche con una sola parte finanziata, un beneficio immediato e sostanziale. Ringraziamo tutti coloro che hanno lavorato per questo risultato”.

L’intervento (che si divide in due stralci) prevede il completo rifacimento del manto di gioco con la realizzazione di un campo in erba sintetica e la completa riqualificazione degli spogliatoi esistenti (primo stralcio) con la realizzazione anche di tribune a servizio dello stesso (secondo stralcio). Con i finanziamenti si ambirà a realizzare almeno il primo stralcio. “Entro la data fissata dalla legge che ha istituito il Fondo gli uffici del Comune hanno elaborato il progetto grazie alla dedizione e alle capacità dei tecnici – spiega Scricciolo – rispondendo così ai criteri indicati per il finanziamento. Una bella soddisfazione vedere che Città della Pieve è stata selezionata tra ben 1.681 proposte, arrivate da tutta Italia e tra le sette approvate per l’Umbria”.

“Avete la fortuna di vivere in una regione che sa far sinergia e si impegna per lo sport” ha detto l’amministratore delegato di Coni Servizi, Alberto Miglietta, sottolineando a sua volta l’importanza di quest’ultimo finanziamento per l’impiantistica sportiva umbra attraverso il fondo “Sport e periferie”. Miglietta si è soffermato anche sull’interruzione della candidatura per le Olimpiadi del 2024. “Un percorso che si è interrotto per mancata conoscenza del dossier”, ha detto e, rivolgendosi ai ragazzi, ha aggiunto “è l’esempio di come non ci si debba comportare: siate sempre coscienti di ciò che fate e complimenti per i vostri successi e per gli amministratori lungimiranti che ci sono qui”.
“La mancata candidatura di Roma alle Olimpiadi – ha rimarcato il vicepresidente della Regione Paparelli – rappresenta una perdita anche per l’Umbria, che dispone di strutture sportive e di una grande capacità di organizzare e attrarre grandi eventi sportivi”.
La premiazione è stata accompagnata dalla firma di due convenzioni: la prima fra la Regione Umbria e Coni Servizi per l’utilizzo del software “Banca dati impianti sportivi e servizio di georeferenziazione” per il censimento dell’impiantistica sportiva in Umbria; la seconda fra Regione e Coni Umbria, che sarà poi integrata con il Cip-Comitato Italiano Paralimpico Umbria, e con cui la Regione per il secondo anno consecutivo stanzia 100mila euro (il 10% riservato agli eventi sportivi organizzati dal Cip) per sostenere e promuovere le manifestazioni nazionali e internazionali svolte e da svolgere in Umbria fino alla fine dell’anno.
Il presidente del Coni Umbria, Domenico Ignozza, ringraziando la Regione per la sensibilità e l’impegno nei confronti del mondo sportivo, ha sottolineato come “l’Umbria è sempre più al centro della scena internazionale grazie ai campionati ed eventi sportivi nazionali ed internazionali che vi si svolgono, inseriti in circuiti europei e mondiali di diverse discipline sportive ed è importante saper di poter contare sul sostegno della Regione. Grazie poi alla convenzione fra Regione e Coni Servizi – ha spiegato – potremmo disporre di una fotografia esatta dell’impiantistica sportiva dell’Umbria, sulla capienza delle strutture e le attività svolte e che si possono svolgere, con la possibilità di poterla conoscere online attraverso i siti istituzionali di Regione e Coni”.
Riferendosi al finanziamento dei sette progetti umbri con il fondo “Sport e periferie”, il presidente Ignozza ha espresso soddisfazione per l’attenzione rivolta all’Umbria e per le opportunità ulteriori “per metter a norma e render più funzionali gli impianti e dare più possibilità ai giovani di fare sport”.
Sport e scuola sono fondamentali – ha sottolineato infine il vicepresidente Paparelli nel procedere alla consegna delle borse di studio – e a tutti voi va il ringraziamento e il plauso da parte di tutta la comunità regionale per come portate in alto i valori autentici dello sport e per l’impegno che profondete negli studi, per la vostra formazione scolastica e culturale”.
Questi i nomi e le discipline dei 23 giovani atleti premiati per il talento e per il merito scolastico: Diego Verducci, ciclismo Bmx; Annalisa Calagreti, judo; Chiara Crovari, scherma; Alessio Rossi, pattinaggio a rotelle; Michele Pasqui, canoa; Matteo Cerza, tennistavolo; Giulia Giorgi, atletica leggera; Martino Beccari, canoa; Vally Giovannelli, scherma-specialità sciabola; Giulia Ricci, pallacanestro; Giordano Federici, danza sportiva; Martina Mazzola, atletica leggera; Alessandro Galletti, danza sportiva; Lavinia Paliani, equitazione; Lucrezia Fiorucci, nuoto; Alberto Migliosi, canoa; Gaia Servi, equitazione; Maria Lucia Victoria Presti, canottaggio; Simone Battistini, atletica leggera; Asia Tolomei, canoa; Martina Chirchirillo, equitazione; Leila Ponziani, atletica leggera; Mohamed Aoukaili Yassine, nuoto.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!