Al Ciac Picasso, Guttuso e Magritte con la collezione Marchini

Al Ciac Picasso, Guttuso e Magritte con la collezione Marchini

Alessandro Orfei

Al Ciac Picasso, Guttuso e Magritte con la collezione Marchini

Mar, 24/05/2022 - 11:29

Condividi su:


Inaugurazione con la protagonista Simona Marchini

Si è alzato il sipario sulla mostra “Una storia nell’arte. I Marchini, tra impegno e passione“, che ha portato al Ciac una selezione di opere del fondo della famiglia Marchini, tramandato da Alvaro alla figlia Simona. L’esposizione è stata possibile grazie alla collaborazione tra la Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno e l’Accademia di San Luca. All’inaugurazione erano presenti il presidente della Fondazione Carifol, Umberto Nazzareno Tonti, il vicesindaco Riccardo Meloni, il direttore artistico del Ciac, Italo Tomassoni, Simona Marchini e alcuni degli artisti che hanno esposto.

Foligno capitale dell’arte

Da Tonti i ringraziamenti a chi ha reso possibile l’esposizione. “Questa mostra di altissimo livello – ha detto il vicesindaco Meloni – permette alla città di crescere e di andare oltre i confini nazionali“. “L’unione e l’attaccamento all’Umbria mi ha accompagnato dalla nascita – ha detto Simona Marchini e siamo cresciute, io e mia sorella, nel sentimento del bello e dell’arte. E‘ questo quello che va sviluppato, anche per i giovani d’oggi. E’ importante aiutare i ragazzi a conoscere la vibrazione dell’arte, qualcosa prodotto dall’immateriale. E’ qualcosa che non compri al mercato o su Amazon. Qualcosa che attiene ad un livello umano ed evolutivo. D’altronde questo è quello che resta dell’umanità. Questa è la traccia“. 

La necessità della “formazione sentimentale”

La Marchini ha sottolineato la necessità di una formazione sentimentale ed emotiva. “Io ho avuto molti amici che mi hanno incoraggiato. Ero un’anomalia e ora mi sono conquistata una certa stima. Senza valori immateriali non c’è futuro. I ragazzi, massacrati dalla tecnologia, facciamo esperienza delle emozioni e della creatività“.

Da Tomassoni la spiegazione della mostra e l’attenzione alle tante opere esposte: “La mostra è una ricapitolazione dell’arte contemporanea”.

La mostra rimarrà visibile al Centro italiano di arte contemporanea dal 21 maggio al 21 agosto 2022.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!