Fontivegge, 1.400 firme per la sicurezza del quartiere | “Studi” sull’ex scalo

Fontivegge, 1.400 firme per la sicurezza del quartiere | “Studi” sull’ex scalo

Cittadini consegnano al questore la petizione | Affidati i lavori preparatori per riconvertire l’immobile in disuso in coworking e nuova sede della Biblioteca delle Nuvole


A Fontivegge qualcosa si muove. Il Comune di Perugia ha affidato all’azienda Unilab sperimentazione, con sede a Cordano, i lavori per gli studi preparatori in vista della progettazione che interesserà l’area dell’ex scalo merci.

>>Edifici dismessi, la rigenerazione urbana di Fontivegge inizia da qui

L’ambizioso progetto di riqualificazione urbana pensato dall’amministrazione comunale riguarda l’area di Fontivegge ma arriva fino al Bellocchio. Intanto, il comitato Progetto Fontivegge, giovedì ha consegnato al questore Francesco Messina 1.400 firme che invocano la sicurezza.

>>>Perugia, nuovo agguato a Fontivegge | I residenti “Polizia h24”

La raccolta firme era iniziata nelle scorse settimane dai residenti e dai commercianti della zona rossa di Perugia e sarà portata all’attenzione del prefetto, ma dovrà essere il ministero a valutare la fattibilità della proposta. Insomma, oltre al lavoro delle forze dell’ordine, che ben monitorano Fontivegge, si sente forte l’esigenza della costruzione di un tessuto sociale sano e forte e di politiche economiche che tutelino chi, in questa zona, ha deciso di vivere e lavorare.

>>> Edifici dismessi, la rigenerazione urbana di Fontivegge inizia da qui

ex scalo merci Fontivegge progetto Perugia-zipIn particolare, l’azienda Unilab, che ha anche effettuato gli studi del Mercato Coperto,  si concentrerà sulle indagine geognostiche dell’ex scalo merci, di proprietà delle Fs, e si occuperà della progettazione e alla realizzazione dell’intervento.

L’immobile ora in disuso sarà riconvertito in un coworking  dove verrà trasferita la “Biblioteca delle Nuvole”, la più grande biblioteca di fumetti d’Italia, che è ora a Madonna Alta. Ma potrà anche ospitare nuovi laboratori e spazi di incubazione per nuove imprese afferenti al mondo dei videogames, computer grafica e stopmotion.

Il coworking ed i laboratori interagiranno dando vita ad un polo per l’imprenditoria giovanile, mentre lo spazio antistante l’ex scalo merci verrà riorganizzato come parcheggio pubblico, per consentire la completa pedonalizzazione della piazza Vittorio Veneto.

Un progetto ambizioso per il quale è stata avanzata anche un’istanza alla Fondazione Carisp nell’ambito del piano triennale del sodalizio che prevede il cofinanziamento non solo dell’ex scalo merci della stazione di Fontivegge ma anche interventi specifici per la creazione di spazi per il coworking da realizzare nel portico dell’edificio ex Upim. Per i due interventi sono stati rispettivamente stanziati 510mila e 100mila euro.

Intanto, oggi, dalle 17 all’Università per gli stranieri, si parlerà del quartiere  nell’aula magna in un incontro pubblico dal titolo “Fontivegge piazza nuova, opinioni a confronto”, iniziativa organizzata dall’associazione Perperugia con la partecipazione di tré docenti universitari. Aldo Aymonino, Paolo Belardi e Mosè Ricci, e l’intervento degli assessori comunali Michele Fioroni e Emanuele Prisco.

Stampa