Fontivegge | Arriva la polizia in casa, lui lancia la droga dalla finestra

Fontivegge | Arriva la polizia in casa, lui lancia la droga dalla finestra

Nell’abitazione nascoste eroina e marijuana | Arrestato un 37enne


Un nuovo arresto nell’ambito dei controlli straordinari a Fontivegge voluti dal Questore di Perugia Francesco Messina. Questa volta ad essere finito in manette è stato un cittadino nigeriano di37 anni, pregiudicato per stupefacenti, senza regolare permesso di soggiorno e già sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora, che si è visto bussare alla porta di casa dagli uomini della Squadra Mobile della Questura che dovevano notificargli un provvedimento emesso dall’Ufficio di Sorveglianza di Perugia.

Ma mentre gli agenti attendevano che il padrone di casa aprisse la porta dell’appartamento, il poliziotto rimasto ad attendere vicino all’auto di servizio, parcheggiata proprio in corrispondenza del balcone dell’appartamento, ha notato un giovane di colore uscire velocemente in terrazza e, con circospezione, lanciare nel vuoto un piccolo oggetto, poi immediatamente recuperato dall’agente. Si trattava di un piccolo involucro contenente della sostanza bianca sospetta.

Avvisati immediatamente gli altri agenti, che erano entrati nel frattempo in casa, gli uomini della Questura hanno immediatamente perquisito l’abitazione, anche in considerazione dei trascorsi criminali dell’uomo il quale, identificato, ne annovera diversi e specifici nell’ambito dello spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso della perquisizione, è stato riscontrato che sempre sul terrazzo, all’interno di una grondaia sulla finestra, vi erano nascosti alcuni barattoli, avvolti in un calzino, contenenti altre sostanze polverose sospette. Altra sostanza, del tipo vegetale essiccata, è stata trovata all’interno dell’appartamento. Le sostanze trovate, all’esito del narcotest effettuato da personale della locale Polizia Scientifica, sono risultate essere eroina per circa 18 grammi e marijuana per altri 55 grammi.

Inoltre, è stato rinvenuto materiale da “taglio” per 35 grammi circa, oltre a due bilancini di precisione, con evidenti tracce di residui di droga, materiale per il confezionamento delle dosi e denaro contante per circa 160 Euro, probabile ricavato delle attività di spaccio. All’esito degli accertamenti, il nigeriano è stato tratto in arresto in flagranza per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e successivamente sottoposto a giudizio con rito direttissimo all’esito del quale ha patteggiato la pena della reclusione di due anni.

Il 37enne vanta un curriculum ricco di precedenti e pregiudizi sul territorio nazionale: già denunciato per droga nel 1999 dalla Polizia del Commissariato di P.S. di Civitavecchia (Rm) ed arrestato per furto dai Carabinieri di Ladispoli (Rm), nel 2000 era stato arrestato dalla Guardia di Finanza di Roma per la violazione dell’art. 73 del DPR. 309 del 1990, arrestato dalla Polizia di Roma per rapina e, l’anno successivo, arrestato sempre dalla Polizia una volta per droga e poi per danneggiamento e lesioni a Pubblico Ufficiale. A seguito di un arresto da parte dei carabinieri di Perugia nel 2010, nel marzo scorso era stato sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora a Perugia.

©Riproduzione riservata

Stampa