Zanzare, definite misure per evitare proliferazione | Per i trasgressori multe fino a 500 euro - Tuttoggi

Zanzare, definite misure per evitare proliferazione | Per i trasgressori multe fino a 500 euro

Redazione

Zanzare, definite misure per evitare proliferazione | Per i trasgressori multe fino a 500 euro

Dom, 10/04/2022 - 11:53

Condividi su:


Già in vigore ordinanza sindacale con indicazioni per cittadini, gestori di aree commerciali, artigianali e industriali | Fondamentale evitare il formarsi di acque stagnanti in piscine all’aperto e spazi pubblici e privati

E’ in vigore ormai dal 1 di aprile, anche nel Comune di Gubbio, l’ordinanza sindacale relativa ad una serie di misure preventive contro le zanzare e le malattie trasmissibili all’uomo attraverso la puntura di questi insetti.

Fino alla fine del mese di ottobre, pertanto, il provvedimento dispone che tutti i cittadini, amministratori condominiali, società che gestiscono aree di centri commerciali, artigianali e industriali, dovranno attenersi alle seguenti disposizioni:

  • non abbandonare negli spazi pubblici e privati, compresi terrazzi e balconi, contenitori di qualsiasi natura e dimensione nei quali possa raccogliersi acqua piovana, ed evitare qualsiasi raccolta d’acqua stagnante, anche temporanea;
  • prosciugare completamente le piscine non in esercizio e le fontane o, in alternativa, eseguirvi adeguati trattamenti larvicidi oppure immettervi pesci larvivori;
  • trattare l’acqua presente in tombini, griglie di scarico, pozzetti di raccolta delle acque, ricorrendo a prodotti contro le larve di zanzara, acquistabili presso farmacie e rivendite di prodotti per l’agricoltura e conservare il documento di acquisto dei prodotti utilizzati autonomamente che potrà essere mostrato in caso di controllo;
  • ai gommisti e gestori di depositi, anche temporanei, di pneumatici, viene chiesto di provvedere, nel caso di impossibilità di procedere a un idonea copertura degli pneumatici, alla disinfestazione dei potenziali focolai larvali ogni 15 giorni;
  • ai proprietari e responsabili di attività di rottamazione e in genere di stoccaggio di materiali di recupero e di smaltimento di rifiuti viene chiesto di adottare tutti i provvedimenti utili a evitare che i materiali permettano il formarsi di raccolte d’acqua, e provvedere nei riguardi dei materiali stoccati all’aperto per i quali non siano applicabili i provvedimenti di cui sopra, alla disinfestazione dei potenziali focolai larvali ogni 15 giorni;
  • a coloro che gestiscono allevamenti di equini e avicoli viene chiesto di svuotare completamente ogni 2-3 giorni le vasche utilizzate come abbeveratoio per gli animali e trattare con prodotti larvicidi pozzetti, scarichi pluviali e tombini in genere, scoline, fossi irrigui.

La mancata osservanza di tali disposizioni verrà punita con sanzioni amministrative da 25 fino a 500 euro. L’attività di vigilanza e controllo sull’esecuzione del provvedimento è demandata al Corpo di Polizia Municipale e al personale ispettivo del Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda USL Umbria n.1 Servizio Controllo Organismi Infestanti.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!