Walter Orlandi indagato per abuso d’ufficio |  L’inchiesta della Procura

Walter Orlandi indagato per abuso d’ufficio | L’inchiesta della Procura

Indagata anche un’altra dirigente Asl 1 | Le reazioni della politica


share

Walter Orlandi, direttore regionale dell’area sanità in Umbria, è indagato per abuso d’ufficio dalla Procura della Repubblica di Perugia. Con lui, nel registro degli indagati, è finita anche Manuela Pioppo, dirigente dell’Asl 1 e già direttore sanitario dell’ospedale di Perugia, il Santa Maria della Misericordia. E’ questo quanto riportato dall’edizione di oggi, 19 luglio, del quotidiano La Nazione.

Nell’ipotesi della Procura, i due sono accusati per via degli avanzamenti di carriera della stessa Pioppo, che non avrebbero seguito le norme e sarebbero dunque illegittimi. I fatti, in base a quanto rilevato dagli uomini della Guardia di Finanza che ha svolto gli accertamenti, sarebbero accaduti nel 2007, quando la dirigente era direttore sanitario a capo di una struttura. Le indagini sarebbero scattate a seguito di un esposto presentato da alcune dottoresse, in base alle quali la Pioppo avrebbe avuto una progressione di carriera “pazzesca“.

Le reazioni – L’indagine per abuso d’ufficio su Walter Orlandi riapre il dibattito sulle imposizioni e sulla gestione personalistica delle nomine della presidente Marini”. È quanto dichiara il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Maria Grazia Carbonari. “La notizia di stampa di oggi – spiega Carbonari – secondo cui Walter Orlandi sarebbe indagato per abuso d’ufficio in merito alla nomina di una direttrice sanitaria, riapre il vaso di Pandora di cui ci siamo occupati in questi due anni. Alcuni singoli soggetti, per ragioni talvolta misteriose, vengono imposti dalla presidente Marini al vertice dell’Amministrazione regionale. E questo avviene talvolta applicando la normativa vigente con interpretazioni fantasiose, ad esempio sulla sussistenza del conflitto d’interesse, oppure in disprezzo alla basilare opportunità politica. Tali soggetti, che a volte hanno una carriera esclusivamente politica e senza titoli, in certi casi hanno anche mostrato sfregio verso gli organi democratici della Regione o dell’Assemblea legislativa, quasi a confermare che la loro carica, potere e privilegio dipende solo e soltanto dalla presidente”.

Proprio a causa della nomina Walter Orlandi – prosegue Carbonari – si sfiorò la crisi di Giunta, quando l’arrogante imposizione della presidente Marini non fu accettata dall’assessore alla Sanità Luca Barberini. In seguito, fu inventata la nuova figura di direttore generale della Regione Umbria, così da garantire ad Orlandi una poltrona di vertice. Un’operazione ribattezzata da alcuni ‘lodo Orlandi’ ma che, con la solita ipocrisia della Giunta Marini verso i cittadini umbri, è stato addirittura presentato come ‘rafforzamento del principio di responsabilità in cui al centro c’è il cittadino, del principio del merito e del principio di rotazione per la trasparenza’. In un periodo di tagli indiscriminati ai servizi essenziali, segnalati anche dalla Corte dei Conti, per gli ‘uomini e donne della presidente’ i ricchi incarichi non mancano mai. La spending review è per tutti gli altri e l’unico criterio di selezione sembra essere il favore personale della presidente, che sembra confondere la Regione Umbria con una sua Spa unipersonale”.

“Ferma restando l’attenzione su questa vicenda – conclude Carbonari -, è ormai non più tollerabile la gestione personalistica della presidente. È necessario aprire una seria indagine istituzionale in merito a come tali soggetti, dai curricula talvolta scarni, ottengano titoli proprio da enti partecipati dalla stessa Regione e come si giustifichino tali incarichi di enorme potere”.

Dalla Lega Nord – Walter Orlandi deve dimettersi e la presidente Catiuscia Marini deve riferire in Aula”. È quanto chiedono i consiglieri regionali della Lega Nord, Emanuele Fiorini e Valerio Mancini.

Per Fiorini e Mancini si tratta di “un’altra tegola sulla macchina amministrativa della Giunta Marini dopo le vicende giudiziarie legate alla questione rifiuti, che hanno coinvolto dipendenti della Regione e dell’Arpa. E quest’altra patata bollente riguarda uno dei pilastri dell’azione amministrativa della presidente. Pur nello spirito garantista che ci contraddistingue e consapevoli che la giustizia farà il suo corso, a seguito delle vicende riportate dagli organi di stampa, chiediamo le dimissioni immediate di Walter Orlandi dall’incarico di direttore regionale dell’area sanità e personale di Palazzo Donini, al fine di tutelare l’immagine dell’amministrazione, in quanto lo stesso risulterebbe indagato per abuso d’ufficio”.

Auspichiamo – concludono Fiorini e Mancini – una presa di posizione della presidente Marini. Ci auguriamo che venga in Aula a riferire sulla vicenda Orlandi e sui recenti problemi giudiziari legati alla questione rifiuti, visto che fino ad oggi non c’è stata alcuna presa di posizione da parte della Giunta, che si ostina a far finta di niente”.

©Riproduzione riservata

share

Commenti

Stampa