Violenza sessuale a Menaggio, coinvolto uno spoletino ma gip non convalida arresti - Tuttoggi

Violenza sessuale a Menaggio, coinvolto uno spoletino ma gip non convalida arresti

Sara Fratepietro

Violenza sessuale a Menaggio, coinvolto uno spoletino ma gip non convalida arresti

Un giovane spoletino di origine albanese tra i ragazzi al centro dell’inchiesta per la presunta violenza sessuale su due 17enni sul lago di Como
Lun, 03/09/2018 - 18:33

Condividi su:


C’è anche un giovanissimo di Spoleto coinvolto nell’inchiesta sulla presunta violenza sessuale ai danni di due turiste 17enni che sarebbe avvenuta al lido di Menaggio, sul lago di Como, all’inizio di agosto. Tre giovani erano finiti in manette nei giorni scorsi (mentre un altro ragazzo è ricercato) con l’accusa di violenza sessuale dopo la denuncia presentata dalle ragazzine ai carabinieri.  Tra loro, oltre ad un 22enne della provincia di Sondrio ed un coetaneo etiope, c’era un 19enne albanese di Spoleto, lavoratore stagionale sul lago di Como, che proprio la sera in cui si sarebbero verificati gli abusi stava festeggiando il compleanno.

Ma quest’oggi il gip di Como non ha convalidato gli arresti: per il giudice, infatti, il racconto delle due 17enni – unica prova contro i tre giovani – sarebbe contraddittorio. Coinciderebbero tra loro, invece, le versioni dei tre indagati finiti in manette, che ieri erano stati interrogati. Non ravvisando quindi a carico dei giovani gravi elementi di responsabilità né pericolo di fuga, il giudice ha ritenuto di non convalidare l’arresto, facendoli tornare in libertà.

Le indagini sulla vicenda, comunque, proseguono. Secondo il racconto delle ragazze, le due avevano passato la serata in un locale, dove avevano conosciuto quattro ventenni, tra cui il 19enne spoletino di origine albanese. Dopo aver accettato un passaggio in auto, avrebbero raggiunto una spiaggia dove si sarebbero consumate le violenze sessuali. Nei giorni successivi era scattata poi la denuncia alle forze dell’ordine, con la procura che ha aperto un’inchiesta e disposto quindi gli arresti per i presunti autori degli abusi. Arresti appunto non convalidati dal giudice per le indagini preliminari.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!