Vertenza Unioncamere Umbria, Ciprini chiede l’intervento del Governo

Vertenza Unioncamere Umbria, Ciprini chiede l’intervento del Governo

Vertenza relativa a 4 lavoratori, licenziamento il 30 settembre ma la parlamentare del M5s chiede l’intervento del Governo

share

Lo scorso febbraio, in una nota stampa, il presidente della Camera di commercio di Perugia Giorgio Mencaroni, rassicurava i dipendenti in merito alle notizie relative alla soppressione di Unioncamere regionale dell’Umbria, disposta dalla legge di riforma delle Camere di commercio, e confermando l’adozione di tutte le iniziative e gli atti necessari alla conservazione all’interno del sistema camerale delle quattro maestranze in organico.

“Lo scorso mese è giunta notizia che Unioncamere andrà in liquidazione e che i dipendenti abbiano ricevuto una lettera di licenziamento, previsto per il 31 luglio: in questi giorni però sarebbe avvenuto un incontro tra le parti che ha portato ad una proroga fino al 30 settembre e la promessa che le maestranze verranno riassorbite da un consorzio” afferma la parlamentare 5Stelle in commissione Lavoro, Tiziana Ciprini.

“La legge tutela i livelli occupazionali in seguito al trasferimento delle attività, così come avviene per tutte le Pubbliche amministrazioni, con l’assorbimento dei dipendenti. La legge di riforma, inoltre, è stata impugnata sotto il profilo della sua costituzionalità. Per tale motivo ho presentato un’interrogazione al ministero del Lavoro, al ministero per la Pubblica amministrazione e al Mise affinché intervengano, al fine di assicurare la salvaguardia del posto di lavoro dei quattro dipendenti coinvolti nella procedura di liquidazione dell’ente umbro”  conclude Ciprini.

share

Commenti

Stampa