Un milione e mezzo in 3 anni per progetti innovativi nel Sociale - Tuttoggi

Un milione e mezzo in 3 anni per progetti innovativi nel Sociale

Redazione

Un milione e mezzo in 3 anni per progetti innovativi nel Sociale

La variazione di Bilancio è stata presentata in commissione Programmazione
Gio, 20/06/2019 - 18:05

Condividi su:


Presentata in commissione Programmazione, a Città di Castello, la variazione di bilancio di competenza del Consiglio comunale, all’ordine del giorno della prossima seduta, convocata per il prossimo lunedì 24 giugno.

Il vicesindaco e assessore alle Finanze Michele Bettarelli ha inquadrato nell’ordine di un milione e mezzo di euro, spalmato sul bilancio triennale, la variazione “che ci permetterà di introitare risorse derivanti dall’impegno su progetti di ambito, che mantengono alta e capillare la rete di protezione delle fasce più deboli”.

La dirigente dei Servizi sociali Giuliana Zerbato, insieme all’assessore Luciana Bassini, ha illustrato le principali voci della manovra: “250 mila euro per il Fondo Povertà dalla Regione Umbria che destineremo all’assistenza domiciliare dei minori nella maggior parte; il rinnovo del Home Care Premium; servizi per i familiari iscritti a Inpdap; la cassa mutua del lavoro alle dipendenze del pubblico; 100 mila euro per l’assistenza ai disabili delle scuole superiori, un numero rilevante per i quali stiamo pensando un progetto specifico e alternativo al Flauto Magico, interessato dalla variazione per le spese di trasporto”.

Nell’ambito delle somme in entrata nel bilancio 2019-2021, 15 mila euro andranno al potenziamento del Centro di aggregazione giovanile nei Comuni dell’ambito attraverso laboratori. Tra le voci anche un rimborso ai costi del ‘Dopo di noi’ per adulti disabili e 25 tirocini per giovani laureati e per disabili in uscita dalla scuola superiore. La dirigente del Settore Finanziario Gigliola Del Gaia ha specificato lo scaglionamento delle somme sul triennio: circa 550 sono inserite nel 2019, 620 nel 2020 e 585 nel 2021.

Nel corso della commissione si è anche parlato del regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie relative a Tarsu, Tares e Tari non riscosse, a seguito della notifica di ingiunzioni di pagamento, attualmente gestito da Equitalia. Bettarelli:Abbiamo voluto inserire tra le possibilità del cittadino anche questa procedura agevolata e su adesione volontaria”. “Il regolamento – ha spiegato Del Gaiasi basa sul Decreto cosiddetto della ‘Pace Fiscale’ e prevede che il cittadino versi l’importo del tributo e gli interessi ma non le sanzioni che vi gravano sopra. Il saldo deve avvenire entro un anno e mezzo”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!