Un giornale per 50(mila) denari, quali verità dietro all' 'operazione GdU' - Tuttoggi

Un giornale per 50(mila) denari, quali verità dietro all’ ‘operazione GdU’

Sara Cipriani

Un giornale per 50(mila) denari, quali verità dietro all’ ‘operazione GdU’

La breve gestione 'Geu bis' del Giornale dell'Umbria finisce dopo 5 mesi con una liquidazione, molte restano le domande senza risposta
Mer, 20/01/2016 - 12:03

Condividi su:


E’ la verità quella che chiedono a gran voce i giornalisti del ‘fu’ Giornale dell’Umbria seconda gestione Geu1819, il quotidiano regionale che giovedì 14 gennaio ha dato  formale comunicazione di avvio delle procedure di messa in liquidazione della società” ai propri dipendenti.

La decisione era nell’aria già da un po’, soprattutto dopo che lo scorso 18 dicembre, l’incontro con i potenziali investitori umbri invitati a valutare il dossier per partecipare in quota alla GEU 1819 era andato deserto, ma quella della liquidazione sembrava ancora essere l’ultima delle soluzioni. O forse no.

A rileggere bene l’intervista che l’ingegnere Incarnato, editore del Giornale dell’Umbria, ha rilasciato l’11 dicembre ad Agenparl in un ultimo tentativo di promozione del detto aumento di capitale, la ‘soluzione liquidazione’ sembra proprio fosse contemplata: “Pertanto, la soluzione che ha di fronte il GRUPPO EDITORIALE UMBRIA srl  è quello di mettere mano ad una poderosa moltiplicazione dei prodotti editoriali, anche locali, ma di nicchia e di valore in grado di trovare un pubblico coerente ai costi di produzione. L’alternativa è ridurre i costi in maniera radicale. Se occorre, liquidare la vecchia GEU1819 SRL e farla rinascere dopo averla depurata delle storture del passato”.

E qui si potrebbe lasciare campo a quelle ipotesi che già giravano da tempo nei corridoi della redazione di via Monterei, che vedevano il presidente di GEU 1819, Luigi Giacumbo, impegnarsi con l’aiuto forse di nuovi imprenditori in una ri-acquisizione del Giornale e l’editore Incarnato rinascere con una serie di prodotti ‘di nicchia’.

Certo è che il nuovo corso del Giornale dell’Umbria ha avuto una vita breve e concitata, apparentemente senza un preciso disegno. Anche se il dubbio che invece un disegno ci fosse già da prima dell’atto di vendita torna ad affacciarsi, ancora più forte delle prime immediate impressioni. Sono troppe le domande che si affollano su questo passaggio di proprietà estivo.

Come può un imprenditore del ‘calibro’ del dott. ing. Giuseppe Incarnato, amministratore unico  e socio – di piccolissima minoranza (6,5%) di FSASPA Srl – società proprietaria al 70% della Gi.F.Er Srl di cui è ancora amministratore unico, a sua volta proprietaria unica di GEU 1819 di cui è presidente uno dei principali attori dell’editoria italiana (del passato, a dir la verità) come Luigi Giacumbo, non riuscire a trovare ‘quattro spicci’ (per uno che abituato a lavorare con fondi e a gestire milioni, si intende) per sanare e rimettere in piedi un giornale come quello dell’Umbria, che vanta un bilancio (2014) di 3 milioni di euro, con una perdita di 600mila, tra l’altro in recupero rispetto all’anno precedente di quasi un 40%.
E non potrà dire l’editore che non fosse stato reso edotto sulle acque in cui navigava l’azienda se dall’atto di compravendita che abbiamo potuto visionare si esplicita a chiare lettere: “Il Giornale dell’Umbria versa da tempo ed ancora attualmente in una situazione di difficoltà economica e finanziaria della quale sono pienamente consapevoli tutte le parti”. Così come non possiamo dire che non si sia prodigato, nel tentativo di raccogliere fondi, in una questua tra enti, aziende e associazioni di categoria con pretese a volte che arrivavano a 6 zeri. Senza raccogliere gran che, come ebbe a lamentarsene nella sopra citata intervista “abbiamo chiesto esplicitamente pubblicità a tutti gli operatori pubblici e privati della regione Umbria, a prezzi vantaggiosissimi ma ad oggi (11 dicembre n.d.r.) ci sono stati o rifiuti espliciti, nel caso di alcuni addirittura minacciosi, o una declinazione implicita”. Valle a capire certe cose.

Ma infine e più di tutto, qual era il piano industriale dell’imprenditore napoletano che si definisce nel suo sito personale “uno dei principali strategist italiani, specializzato nel rilancio industriale di imprese in crisi”? Certo a ricostruirne il chilometrico curriculum professionale, solo a citare IDI, l’Istituto Dermatologico di cui è stato direttore generale e per il quale crac finanziario è indagato insieme don Franco Decaminata e ad altri 40, o la CRIF Spa durante la cui vicepresidenza è finito sotto inchiesta per voto di scambio e ricettazione, qualche dubbio poteva anche venire alla proprietà cedente.

Forse il nodo centrale per comprende la tanto invocata verità sta proprio in questo passaggio. Qual’era il grado di consapevolezza sull’acquirente della vecchia GEU, quando il 27 agosto i 4 soci uscenti (Financo Srl, Scai SpA, Bifin Srl e 50,25% di TMM Soc. Coop) hanno firmato per soli 50mila euro, ovvero il capitale sociale versato, la vendita del Giornale dell’Umbria?
Sapevano da chi sarebbe stata gestita?  Sapevano di sicuro che il quotidiano non avrebbe più potuto accedere ai finanziamenti pubblici, non essendo costituita in forma di cooperativa giornalistica, e un milione di contributo su un bilancio di 3, fanno la differenza.

Perché dunque per una cifra così ‘irrisoria’ non era stata precedentemente accolta la proposta formulata dai giornalisti e poligrafici del GdU che pur in tempi strettissimi e incalzati si sarebbero impegnati, in forma di cooperativa, a rilevare la testata pur di continuare a investire nel proprio lavoro, potendo far conto almeno sugli aiuti statali.  E perché rinunciare alla cordata di imprenditori umbri che pur si era fatta avanti, mentre la proposta di Gi.F.Er era già presumibilmente nelle nelle mani del vecchio CdA. I troppi paletti e le richieste ‘non accettabili’ – dalla rinuncia al TFR messa come condizione ai giornalisti, fino alla richiesta di rilievo, insieme all’acquisto da parte della cordata, di tutte le eventuali pregresse responsabilità della vecchia – fanno pensare che con ogni probabilità la decisione fosse già stata presa.

E che una verità e dunque un disegno c’erano, anche se sfuggono ai più. Di sicuro non quello di mantenere in buona salute l’azienda e tantomeno quello di continuare ad essere una voce dell’Umbria.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!