Trenta scene e oltre 140 figuranti, al Castello Bufalini torna il Presepe vivente di San Giustino - Tuttoggi

Trenta scene e oltre 140 figuranti, al Castello Bufalini torna il Presepe vivente di San Giustino

Redazione

Trenta scene e oltre 140 figuranti, al Castello Bufalini torna il Presepe vivente di San Giustino

Tre date a ingresso gratuito, taglio del nastro mercoledì 26 dicembre
Sab, 15/12/2018 - 14:40

Condividi su:


Trenta scene e oltre 140 figuranti, al Castello Bufalini torna il Presepe vivente di San Giustino

Seppure sia solamente alla seconda edizione, ci sono già tutti i presupposti per diventare, non solo a livello turistico, un’attrazione del centro Italia. E’ stato presentato questa mattina (sabato 15 dicembre) il presepe vivente che sarà allestito nel parco di Castello Bufalini, nel cuore di San Giustino.

Tre uscite, il 26 e 29 dicembre, oltre al 6 gennaio, quando arriveranno pure i Re Magi. Trenta le scene rappresentate e oltre 140 i figuranti impegnati. “Visto il grande successo di pubblico che abbiamo avuto lo scorso anno con 4500 ingressi in due giorni – commenta l’assessore alla Cultura Milena Crispoltoni Ganganellitutti insieme abbiamo deciso di uscire in tre pomeriggi. Sarà un presepe ancora più ricco e le associazioni del territorio saranno tutte presenti; questo è un aspetto che ci fa estremamente piacere, insieme alla collaborazione della Parrocchia, dell’Associazionismo locale e del Polo Museale che mette a disposizione questo splendido maniero”.

Le associazioni, tra cui l’ACLI di Celalba, oramai da tempo stanno lavorando in sinergia per allestire tutte le varie scenografie. “Nelle attività che si svolgono a San Giustino – aggiunge il sindaco Paolo Fratiniil presepe sta avendo un’importanza principale, anche perché vede coinvolte tante realtà e altrettante persone: l’obiettivo è quanto meno quello di superare le presenze dello scorso anno”.

Il presepe è un evento – rimarca la dottoressa Tiziana Biganti, direttrice di Castello Bufalini – noi abbiamo accolto con molto piacere questa iniziativa; è stato disposto un biglietto gratuito, pur essendo un museo nazionale, proprio perché crediamo nella sua potenzialità di creare un’occasione di coesione”.

Il taglio del nastro è programmato per il giorno di Santo Stefano, 26 dicembre, alle ore 15.45: oltre alla Natività, che resta pur sempre la scena principale, tanti antichi mestieri verranno rappresentati. Ruolo fondamentale è anche quello della Parrocchia di San Giustino, il cui titolare è Don Filippo Milli. “E’ un modo anche per cementare la parrocchia – ha detto – ma anche tutta la comunità civile di San Giustino: una manifestazione che, forse per la prima volta, riesce a coinvolgere tutto il territorio; una festa di paese e della comunità”. Ricordiamo le date e gli orari: 26 e 29 gennaio, oltre al 6 gennaio 2019 dalle 16 alle 19.30.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!