Tanti auguri Campanone! La "voce di Gubbio" compie 252 anni - Tuttoggi

Tanti auguri Campanone! La “voce di Gubbio” compie 252 anni

Davide Baccarini

Tanti auguri Campanone! La “voce di Gubbio” compie 252 anni

Sab, 30/10/2021 - 12:45

Condividi su:


Uno dei grandi simboli della Città dei Ceri venne fuso il 30 ottobre 1769 e issato sulla torretta di Palazzo dei Consoli nel marzo del 1770

Il Campanone di Gubbio ha compiuto oggi (30 ottobre) 252 anni, annunciati dalla tradizionale “sonata” di mezzogiorno e celebrati anche dall’esibizione degli Sbandieratori.

Tanti gli eugubini accorsi in Piazza Grande, sotto il gigantesco Palazzo dei Consoli, nella cui torretta il Campanone fu posizionato il 20 marzo 1770. Quest’ultimo venne fuso pochi mesi prima – il 30 ottobre 1769 – dall’abile operato dell’aquilano Giovan Battista Donati.

I Campanari di Gubbio a Bruxelles, “suono manuale” vuole salvaguardia Unesco

Il rapporto tra la città e il suono del Campanone, che è di fatto la “voce di Gubbio”, è carico di intensità e si ramifica nelle sensazioni legate ad ogni fatto. Ogni funzione o evento che si svolge sul suolo eugubino è infatti scandito dai suoi “tocchi”. Dalla Festa dei Ceri, ancestrale sacrificio che gli eugubini compiono ogni 15 maggio nei confronti del loro Santo protettore Ubaldo, al Palio della Balestra, secolare sfida con gli amici biturgensi, dal duello ferragostano tra i quartieri, alle cerimonie religiose, in un calendario continuo che comprende anche le festività nazionali.

Il peso del Campanone è di 19,66 quintali – più il battaglio (“batoccolo”) di 114 kg – il diametro è di 1.43 m, l’altezza 1.52 m. Il ciglio del campanone dista dal muro della torretta solo di 7 cm. Intorno al Campanone è impressa una iscrizione in latino che, oltre a ricordare gli autori e la data di fusione, contiene la preghiera: “Il Signore nostro Gesù Cristo per intercessione della Santissima Concezione della Beata Maria Vergine e dei Santi Giovanni e Ubaldo liberi questa città dal flagello del terremoto, dal fulmine e dalla tempesta e da ogni male, Amen“.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!