SpoletoNorcia in MTB, spettacolare 6^ edizione con partenza-prologo da Zurigo | Chiuso il “Patto della Maglietta”

SpoletoNorcia in MTB, spettacolare 6^ edizione con partenza-prologo da Zurigo | Chiuso il “Patto della Maglietta”

Presentato oggi il programma, ricchissimo di eventi collaterali, iniziative sociali e di benessere | Cinque i circuiti, per un evento cicloturistico senza gare e con tutti i partecipanti vincitori

share

Si è tenuta nella mattinata di venerdì 2 agosto, presso la Sala dello Spagna del Palazzo Comunale di Spoleto, la conferenza stampa di presentazione della 6° edizione de La SpoletoNorcia in MTB.

Dopo una brevissima introduzione del presidente del Comitato Organizzatore, Luca Ministrini, ha preso la parola l’Assessore al Turismo del Comune di Spoleto, Ada Urbani, auspicando che la manifestazione sia uno strumento idoneo per un importante ritorno d’immagine per la città di Spoleto, ma anche per tutti i comuni della Valnerina interessati.

Il “Via” da Zurigo

Di seguito Ministrini ha sottileneato, scherzando con la platea degli intervenuti, come la problematica sulla partenza della sesta edizione si sia risolta a favore di Zurigo, visto che, proprio dalla cittadina elvetica, partiranno il 25 agosto Sauro e Patrick, due soci del MTB Club Spoleto, che raggiungeranno Spoleto per l’inaugurazione ufficiale del 30 agosto; uno sforzo che sarà utilissimo come ideale collegamento tra il trenino rosso del Bernina e quello azzurro della Spoleto-Norcia.

Dopo aver letto il saluto del presidente del CONI, Giovanni Malagò, (che ha confermato il legame del massimo ente sportivo italiano con Spoleto, maturato anche durante il festival dei Due Mondi), Ministrini è entrato nel cuore della presentazione, mettendo l’accento su quelle novità che hanno portato a definire la SpoletoNorcia 2019 come great experience.

“Il tracciato della Vecchia Ferrovia deve essere considerato come il mare di questo territorio, un asset fondamentale, grazie al quale valorizzare tutte le eccellenze delle zone coinvolte, non solo pensando al ciclismo, ma anche ad altri sport come equitazione, podismo e rafting”.

Buone nuove anche per il ciclismo, visto che sarà possibile percorrere anche il tratto che va da Borgo Cerreto a Piedipaterno, con il percorso da 80 km (uno dei cinque organizzati) che andrà a toccare tutti i comuni coinvolti. Confermatissima la collaborazione con la associazione Il Sorriso di Teo, cosa che permetterà di devolvere tutte le offerte, raccolte con la partecipazione al circuito  Family, per l’acquisto di un altro defibrillatore che andrà in favore dell’Istituto Alberghiero di Spoleto. Ministrini ha anche sottolineato la necessità di far convergere verso un’unica direzione tutte le risorse della città, ufficializzando l’accordo con Confcommercio e Federalberghi.

Donne in prima linea con la Woman Experience

Dopo la conferma della parte dedicata ai più piccoli (la Kid Experience), Ministrini ha dato ampio spazio alla grande novità dell’edizione 2019, la Woman Experience, uno spazio tutto in rosa dedicato alle donne che occuperà l’intera giornata di sabato 31 agosto, tra convegni, pedalate, visite guidate ed estemporanee di pittura.

In sala era presente Michela Sciurpa, presidente del network “Umbre”, mentre collegata in video, ha porto il suo saluto Elena Martinello, fondatrice del progetto “Ride Like a Girl” e vecchia amica della SpoletoNorcia. Al convegno parteciperanno anche l’ex campionessa del Mondo Cappellotto, la madrina della manifestazione Babara Pedrotti, Ludovica Casellati, oltre a Maria Luisa Lucchesi (in rappresentanza del Team, legato alla fondazione Veronesi, Pink Perugia Good Running) ed  alla dottoressa Ciacci (che ha tenuto un breve intervento sull’importanza della nutrizione per le pratiche sportive).

Una menzione particolare è andata alla Associazione A.Mo.Do., che ha creato un legame tra la SpoletoNorcia e Legambiente, con l’auspicio che la manifestazione, partendo già da quest’anno, possa essere “plastic free” dal 2021.


– clicca sull’immagine per vedere tutte le foto della presentazione –

 


Il “Patto della Maglietta”

Atteso l’intervento del sindaco di Spoleto Umberto De Augustinis, che ha ricevuto in dono una maglia celebrativa dell’evento, non prima di aver sottolineato l’importanza di dare stabilità ad una manifestazione come La SpoletoNorcia in MTB, soprattutto passando dal fondamentale recupero dell’intero tracciato ed alla sua piena fruibilità; nel merito il sindaco ha confermato l’apertura di un tavolo permanente con Umbria Mobilità e con tutti i sindaci della altre località interessate. Con quello che chiameremo da ora in poi il “Patto della maglietta” sembra dunque essere superata, almeno  pubblicamente, la difficile fase dei rapporti tra amministrazione e  organizzazione della MTB, fase che  ha tenuto banco per lungo tempo sui giornali a colpi di note stampa (per una riepilogo di ciò che è accaduto CLICCA QUIE QUI) e che era arrivata al punto critico di spostare l’evento in altra città.

A rafforzare l’impegno del primo cittadino di Spoleto è sembrato, decisivo l’intervento di Massimo Boni, funzionario di Umbria Mobilità che sta seguendo, in prima persona, proprio il recupero della Vecchia Ferrovia. Boni ha confermato lo stanziamento di 5,5 milioni di euro che permetteranno, entro il 2021, di raggiungere Norcia in bici, con la sistemazione del tratto Spoleto-Piedipaterno danneggiato dal terremoto e con la costruzione del tratto mancante fino a Serravalle, un progetto che prevede ben sei ponti; investimento decisamente sostanzioso, ma fondamentale, per il cicloturismo, un settore ancora da scoprire che va industrializzato nella nostra regione.

Dopo l’intervento di Laura Pinti, responsabile di Umbria & Bike, che ha rinforzato l’idea di una manifestazione che possa invogliare le persone a tornare nel corso dell’anno, magari sfruttando la possibilità di un unico percorso Assisi-Norcia-Cascata delle Marmore, ha, di fatto, chiuso la mattinata, Tullio Fibraroli, sindaco di S.Anatolia di Narco, che, anche a nome degli altri sindaci della Valnerina coinvolti, ha confermato il loro ruolo di stimolo per il recupero di un’infrastruttura così decisiva per il territorio.

Il saluto finale di Ministrini è stato di ringraziamento per i presenti, ma anche per la presenza ed il sostegno del GAL della regione dell’Umbria e per ufficializzare il raggiungimento dei 1000 iscritti nella settimana che sta finendo: un numero di ottimo auspicio quando manca ancora un mese alla manifestazione.

Foto: Tuttoggi.info (Carlo Vantaggioli)

share

Commenti

Stampa