Spoleto, salvate il soldato Martellini/Interrogazione "illuminata" sulla Rocca Albornoziana - Tuttoggi

Spoleto, salvate il soldato Martellini/Interrogazione “illuminata” sulla Rocca Albornoziana

Carlo Vantaggioli

Spoleto, salvate il soldato Martellini/Interrogazione “illuminata” sulla Rocca Albornoziana

Richiesta dal politico ex-Margherita, ora Pd, l'illuminazione del monumento dalle 2 del mattino all'alba anche in inverno, a favore dei turisti e dei cittadini
giovedì, 04/12/2014 - 11:08

Condividi su:


Spoleto, salvate il soldato Martellini/Interrogazione “illuminata” sulla Rocca Albornoziana

Presto, una barella! Un elicottero, un’ambulanza. Chiamate un cerusico, dotti, medici e sapienti, tutti uniti per salvare il soldato Martellini. E’ di ieri la notizia di una  nuova interrogazione del suddetto (Paolo Martellini, in arte Consigliere comunale del Pd),  la cui natura divinatoria ha allarmato, in un certo qual senso, amici e sodali del prode politico d’opposizione al consiglio comunale di Spoleto.

Il Martellini, interrogando il sindaco Cardarelli, vuole conoscere quali azioni intende adottare l’Amministrazione per rendere illuminata la Rocca Albornoziana anche dopo le 02.00 del mattino fino all’alba durante il periodo invernale. “Infatti su richiesta della Direzione Cultura del Comune di Spoleto – afferma Martellini – l’Ase ha fatto posizionare un orologio che regola una funzione di spegnimento ed accensione per il periodo invernale, fatta eccezione per eventi particolari, che prevede che l’illuminazione si spenga alle ore 02.00 del mattino e si riaccenda alle ore 17.00. La Rocca Albornoziana – continua l’esponente del PD – è un monumento che, proprio per l’importanza che riveste per la città di Spoleto, deve essere sempre apprezzato in tutta la sua bellezza architettonica non solo di giorno ma anche durante la notte e quindi deve avere una luminosità adeguata che perduri, durante il periodo invernale, anche dopo le ore 02.00 del mattino fino all’alba. Quali azioni – conclude Martellini – il Sindaco e la Giunta intendano adottare per assicurare la luminosità della Rocca Albornoziana, durante il periodo invernale, dopo le 02.00 fino all’alba in modo da consentirne la visibilità ai residenti e ai turisti.” 

Si, avete letto bene, dalle 2 di mattina sino all’alba, per favorire la “grande bellezza” di Spoleto a turisti e cittadini!

E la città si è subito divisa in due, come del resto uno si aspetta da una simile interrogazione. Diavolerie di un politico Zen, che getta il sasso nello stagno e osserva le onde.

Da una parte, coloro che stanno approntando un recupero in emergenza del sodato Martellini, stile Navy Seals, per riportarlo a casa sano e salvo e affidarlo alle amorevoli cure della Patria e di chi gli vuole bene. Dall’altra invece chi  si batte per una “città turistica” tout court e di cui fanno parte i Seguaci ortodossi oranti e benedicenti (acronimo di battaglia SOOB) di Don Matteo, che non è un prete, ma un famoso detective ciclista che non ha ancora capito se andare verso Gubbio o verso Spoleto e al quale i Soob offrono l’obolo (come la zakat islamica) affinchè non faccia mancare un delitto su cui indagare in città. Ovvio che occorra più luce che sia possibile e una rocca illuminata dalle 02,00 di mattina all’alba, in inverno, fa sicuramente comodo. Si raggiunge così il doppio scopo di favorire il business, e di offrire una immagine da cartolina a turisti e cittadini. In Inverno!

Ora, un cittadino medio ed anche qualunque, incluso il turista medio e anche uno qualunque, dalle 2 di mattina fino all’alba in inverno a Spoleto che fa?… Si accettano pareri (ma non insulti perfavore). Ed inoltre, quanto costa illuminare la Rocca dalle 2 di mattina all’alba, in inverno? Ed inoltre anche ammesso che ci sia una certa ressa di turisti e cittadini per andare, anche, a vedere la rocca illuminata, se per caso fa un pò freddino dove si fanno riparare? Ci sarà qualche igloo, una tenda, una capanna, hai visto mai un Bar,  dove ricoverare i malconci per causa del tempo per un Grog o un Vin Brulè? Spoleto in inverno può essere un territorio molto difficile da conquistare.

Sembra che il sindaco Cardarelli stia facendo una botta di conti per sapere quanto costa invece approntare in casa Martellini un plastico 3D della Rocca a firma del blasonatissimo assessore Angelo Giovanni Quaranta, detto Gianni, illuminata con spot ad hoc, affinchè il politico ex-margheritino, ora piddino, possa sentirsi coccolato e accolto al suo ritorno nel mondo civile dopo il recupero nella landa dove si è perso.

Insomma pare, che la spesa di illuminazione del monumento sia un pò tanta già così com’è, figuriamoci dal tramonto all’alba. Mentre sono finiti i tempi in cui i denari a disposizione erano, come dire, incalcolabili a tal punto che nessuno ci capiva nulla consentendo liste empiriche di voci sulla cui decrittazione nulla potè anche questa testata, in tempi non sospetti. E poichè Martellini è ligio al dovere non gli si può fare una colpa se l’equipaggiamento è scarso. Come potrebbe altrimenti combattere a queste condizioni?

E allora recuperiamolo, salviamo il soldato Martellini e riportiamolo a casa sano e salvo. #riportiamoloacasa

© Riproduzione riservata


Condividi su:


Aggiungi un commento