Sogesi, Gareggia "Inaccettabile propaganda sulla pelle dei lavoratori"

Sogesi, Gareggia “Inaccettabile propaganda sulla pelle dei lavoratori”

Sara Fratepietro

Sogesi, Gareggia “Inaccettabile propaganda sulla pelle dei lavoratori”

Dopo il consiglio aperto sullo stabilimento Sogesi il sindaco di Cannara replica alle accuse della minoranza: c'è chi vuole sfruttare la paura delle persone
Mar, 04/08/2020 - 10:35

Condividi su:


Non ci sta il sindaco di Cannara Fabrizio Gareggia alle polemiche della minoranza sulla situazione attuale dello stabilimento Sogesi. Dove circa 60 lavoratori rischiano di perdere il proprio posto di lavoro a seguito della nuova gestione del servizio di lavanolo nella sanità umbra.

Una questione annosa, che fa riferimento al bando di gara di Umbria Salute di alcuni anni fa e rimasta in stand-by a lungo grazie ai ricorsi pendenti.

“Su Sogesi situazione complicatissima”

Trovo inaccettabile – dice Gareggia – la propaganda politica sulla pelle dei lavoratori, fatta per altro da chi rappresenta una parte politica che su questa vicenda dovrebbe cospargersi il capo di cenere. Chiedere un consiglio comunale aperto per dire che non vogliamo che Sogesi chiuda è un’ovvietà al limite dell’oltraggio nei confronti dell’istituzione, piegata ad una passerella inutile con frasi fatte e senza alcuna volontà di contribuire alla soluzione di questa vicenda.

Io ho sempre seguito con la massima attenzione la crisi di Sogesi, interessandomene personalmente e sollecitando tutti a fare il possibile per scongiurare la chiusura dello stabilimento: purtroppo siamo in presenza di una situazione complicatissima, con una gara aggiudicata ormai da quattro anni e tutti i ricorsi favorevoli al nuovo contraente che, legittimamente, intende subentrare nell’appalto”.

“C’è chi vuole sfruttare la paura”

I margini di manovra – incalza il sindaco di Cannara – sono molto stretti e cercare di attribuire le responsabilità a questa amministrazione o alla nuova Giunta regionale non solo è scorretto, ma dimostra ancora una volta la pochezza di chi preferisce sfruttare la paura e la disperazione delle persone piuttosto che dire la verità.

Questo modo di fare politica è assolutamente inqualificabile e mi spiace che a farne le spese siano persone incolpevoli alle quali, per ottenere un facile consenso, sono state prospettate ipotesi fantasiose e infondate.

L’interlocuzione con l’azienda e con la regione – conclude Fabrizio Gareggia – è ancora aperta e da parte mia ci sarà il massimo impegno come sempre è stato”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!