Scuola, maturità del Covid: i voti degli studenti umbri

Scuola, maturità del Covid: i voti degli studenti umbri

Massimo Sbardella

Scuola, maturità del Covid: i voti degli studenti umbri

Secondi in Italia per percentuale di lodi, in coda per i 60
Gio, 16/07/2020 - 14:30

Condividi su:


Scuola, maturità del Covid: i voti degli studenti umbri

Nella maturità del Covid studenti umbri più bravi dei loro colleghi nel resto d’Italia. Coloro che hanno ottenuto il voto massimo di 100 e lode sono stati 264 sul totale di 12.129 in Italia. Il 4% dei diplomati con lode in Italia sono umbri. Regione che solitamente pesa circa l’1,5% rispetto al dato nazionale. La percentuale dei diplomati con lode sul totale in Umbria è seconda soltanto a quella della Puglia (5,2%).

Lo scorso anno gli studenti umbri diplomati con lode erano stati soltanto il 2,3% del totale. Insomma, lockdown e didattica a distanza sembrano aver aumentato la capacità di studio e di concentrazione.

I voti degli studenti umbri

Gli studenti meno brillanti, che si sono diplomati con 60/100 sono in Umbria percentualmente sotto la media nazionale: 4,8% del totale contro il 5,1% della media italiana. Lo scorso anno i diplomati con 60 in Umbria erano il 5,7% del totale. A conferma di come l’anno scolastico, pur così tribolato a causa del Coronavirus, sia stato proficuo sul piano della resa finale.

La fascia più “affollata” è quella tra 71 e 80, con il 22,6% del totale. E quella tra 81 e 90 con il 21,1%.

Il 17,3% ha preso un voto basso (tra 61 e 70): lo scorso anno in questa fascia si trovata il 29,2% degli studenti. Segno evidente che i voti di maturità, mediamente, si sono alzati in Umbria.

I voti alti

In aumento i voti alti: il 16,4% ha preso tra 91 e 99. Il 12,9% ha preso 100, mancando solo la lode. Lo scorso anno erano stati la metà (6,9%).

La maturità del Covid

In generale, detto della buona prova degli studenti umbri rispetto ai colleghi di altre regioni, occorre fare alcune valutazioni per comprendere a come si è arrivati ai voti della maturità nell’anno del Covid. Eliminate le prove scritte, hanno pesato per 100 punti i crediti maturati durante il triennio finale e solo per il restante 40 la prova orale in presenza.