Scritte anarchiche deturpano Spoleto, manacce e invettive al centro storico

Scritte anarchiche deturpano Spoleto, minacce e invettive sui muri del centro | FOTO

Simone Pompili

Scritte anarchiche deturpano Spoleto, minacce e invettive sui muri del centro | FOTO

Sab, 12/06/2021 - 09:59

Condividi su:


Scritte che inneggiano alla liberta di detenuti e inveiscono contro forze di polizia, Fincantieri minacciando violenza e richiamando alla ribellione.

A pochi giorni dall’inizio della 64esima edizione del Festival dei due Mondi di Spoleto, la città ducale stamattina si è risvegliata con gran parte del centro storico imbrattato da scritte – in alcuni casi anche lessicalmente discutibili.

Le frasi, di chiara matrice anarchica, sono apparse questa volta in molte vie della città. Una notte di produzione prolifica per l’autore dei graffiti realizzati con vernice spray, sia in vicoli di minor passaggio che su palazzi storici e di grande importanza com Palazzo Collicola, sede della Galleria d’Arte Moderna Giovanni Carandente , dove solo pochi giorni fa è stata installata una nuova opera scultorea e presto saranno inaugurate le mostre d’arte del Festival.

Scultura di Carlo Lorenzetti nella Collezione di Palazzo Collicola

I messaggi murali, purtroppo già apparsi più volte per le via della città, e più volte cancellate da enti, proprietari e cittadini volenterosi, inneggiano anche questa volta alla libertà di alcuni anarchici detenuti per aver imbrattato muri e fatto esplodere fumogeni, bombe carta e ordigni esplosivi ai danni, rispettivamente di luoghi simbolo come sedi di giornali e di partito.

Vandalizzato ex convitto femminile appena “ripulito” | Sindaco “Faremo una mostra sul vandalismo a Spoleto”

Altre scritte invece inveiscono contro forze di polizia, Fincantieri e minacciano violenza, richiamando alla ribellione. Le scritte sono apparse sotto al Teatro Romano, in Via Giustolo, piazza Carducci, sul retro e sulla facciata di Palazzo Collicola.

Al momento non è stato ancora possibile individuare “l’artista” che ha fatto dono alla cittadinanza di tale opera. Sicuramente, però, la scelta di usare le vie storiche di Spoleto come tela per dipingere tutta la propria frustrazione lascia quantomeno perplessi; la protesta ideologica, difatti, non può mai essere mescolata alla deturpazione di ciò che è collettivo in nome della giustizia sociale e dei diritti comuni.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!