Scadenza Imu/Tasi, la Uil: ecco quanto si paga - Tuttoggi

Scadenza Imu/Tasi, la Uil: ecco quanto si paga

Redazione

Scadenza Imu/Tasi, la Uil: ecco quanto si paga

Il 16 scade il termine per l'acconto: Perugia e Terni a confronto sulle qualiquote
Lun, 09/12/2019 - 16:44

Condividi su:


Scadenza Imu/Tasi, la Uil: ecco quanto si paga

Entro il 16 dicembre anche i perugino dovranno versare la seconda rata a saldo sia della Tasi, sia dell’Imu. Il versamento, come negli anni precedenti, dovrà essere effettuato in autoliquidazione sulla base delle aliquote e detrazioni già adottate in sede di acconto, in quanto il quadro normativo e tariffario è rimasto immutato.

Il Comune di Perugia ricorda che, coma già dagli anni scorsi per l’Imu, dal 1° gennaio 2016 non è più dovuta la Tasi sulle abitazioni principali non di lusso e relative pertinenze, secondo la disciplina vigente per l’Imposta municipale propria. Sempre a decorrere da 1° gennaio 2016 non è più dovuta l’Imu sui terreni agricoli.

Info e quanto pagare

Informazioni più dettagliate sono pubblicate nel Sito Istituzionale del Comune di Perugia tramite il seguente link: https://www.comune.perugia.it/pagine/iuc-2019

Nello stesso sito internet è disponibile un software per il calcolo di entrambe le imposte.

I contribuenti possono comunque richiedere ulteriori chiarimenti allo sportello tributi del Comune di Perugia, via Oberdan n. 56, aperto tutti i giorni, escluso il sabato, dalle ore 8,30 alle ore 12,00. Nei giorni di lunedì e mercoledì lo sportello è aperto anche di pomeriggio, dalle ore 15,00 alle ore 17,00. Numeri di telefono: 0755774040 /0755774036. e.mail: p.passeri@comune.perugia.it.

Le seconde case

Uno studio della Uil Umbria mette a confronto le spese nei due capoluoghi regionali sulla base dei dati delle Agenzie delle entrate.

Per quanto riguarda le seconde case, le aliquote adottate nel 2019 da entrambi i capoluoghi di provincia umbri non sono diminuite, mantenendosi quindi ai massimi livelli e oltre la media nazionale, soprattutto per quanto riguarda Terni che, a causa del dissesto di bilancio ha addirittura superato l’aliquota massima del 10,6 per mille, attestandosi all’11,4 per mille. Dunque a fronte di una media nazionale del 10,4 per mille Perugia applica lo 10,6 e Terni 11,2. A Perugia quindi il saldo medio sarà di 425 euro, per un totale annuo di 849 euro, a Terni il saldo sarà di 443 per un totale annuo di 885 euro. A Terni, a parità di condizione, si paga 36 euro in più all’anno.

Prime case di lusso

Prendendo in considerazione i costi sulle prime case cosiddette di lusso (abitazioni signorili, ville e castelli), sempre ubicate in un capoluogo di provincia, il costo medio sarà di 2.610 euro annui (1.305 euro per il saldo di dicembre), con punte di oltre 6 mila euro. A Perugia il saldo di dicembre è di 1.791 euro per un totale annuo di 3.582 euro, a Terni il saldo è di 984 euro per un totale di 1.968. La media nazionale è di 2.610 annui. Dunque a Terni i “ricchi” sono trattati molto meglio di Perugia e meglio della media nazionale.

Cantine e garage

Poi ci sono le pertinenze. Per una cantina di 8 mq a Perugia si pagano 31 euro, a Terni 24. Un box auto di 18 mq a Perugia costa 51 euro mentre a Terni 39.

I commenti

Una lettura politica dei dati – commenta Luciano Marini presidente del Caf Uil Umbria – ci porta a considerare un aspetto importante, che vede le due città imboccare strade diverse, con Perugia che ha allargato nel tempo la forbice fra abitazioni ordinarie e di lusso, mentre a Terni la differenza di tassazione fra queste due tipologie risulta molto più contenuta. Nel complesso, davvero un bel salasso per i 370 mila umbri soggetti passivi Imu/Tasi”.

La Uil insiste perché si combatta l’evasione fiscale, anziché aumentare la pressione su chi paga. “Anche questi dati attestano – commenta Gino Venturi segretario Uil Terni – che la fiscalità locale è diventata eccessiva, risultando non già parzialmente sostitutiva di quella nazionale ma addirittura aggiuntiva. E’ giusto che i cittadini pretendano che almeno tutti questi soldi siano spesi bene”.

In attesa di eventuali cambi di strategie da parte degli amministratori pubblici, occorre prendere il portafoglio e recarsi a pagare la quota di Imu/Tasi prima della scadenza del 16 dicembre.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!