Santopadre e Baldini: "A Perugia per andare in Serie A"

Santopadre e Baldini: “A Perugia per andare in Serie A”

Massimo Sbardella

Santopadre e Baldini: “A Perugia per andare in Serie A”

Mer, 21/09/2022 - 13:08

Condividi su:


L'allenatore e il presidente chiedono il Curi pieno per far volare la squadra | Il mister: "Il Perugia è forte" | Santopadre: "Voglio rivivere il mio sogno"

Baldini a Perugia “per andare in Serie A”. E’ l’obiettivo del mister, è il sogno del presidente Massimiliano Santopadre. Che in questo inizio di campionato, dopo l’avvio deludente con la gestione Castori, aveva “perso un sogno”: poter arrivare un giorno con il Perugia in Serie A.

La decisione, pur sofferta (“situazione non piacevole, è un fallimento del club nella scelta iniziale”) presa dopo il derby perso a Terni. Non per il risultato, ma per la mancanza di reazione dei giocatori: “Mi ha fatto molto male dice Santopadre – perdere il derby. Per la mancanza di reazione”.

E allora, la dirigenza ha voluto seguire il proprio istinto. “Avevo bisogno di entusiasmo – dice Santopadre – di rivivere il vero bisogno che mi muove in questa avventura. Nel calcio si vive di sogni, non solo di traguardi. Avevo perso di vista il mio sogno: di primeggiare, di poter arrivare un giorno in Serie A, di fare uno stadio nuovo. Questo – chiarisce – non significa promettere cose che non posso promettere”.

“Ho vissuto questo periodo in silenzio – aggiunge Santopadre – ma io ci credo sempre, il mio sogno non è svanito”. Quindi l’appello ai tifosi: “Non chiedo di stare simpatico a tutti, ma di vivere un sogno insieme a me. Lo sfigato non lo voglio fare più. Non ci si può sentire più deboli del Roccacannuccia: noi siamo il Perugia! Dobbiamo stare uniti”.

E ricorda il finale dello scorso campionato: “Prima del Monza vivevamo tutti il sogno e ce l’abbiamo fatta, abbiamo battuto il Monza di Berlusconi. Sapete perché? Perché quella sera lo stadio era meraviglioso”.

Il sogno è anche quello di Silvio Baldini. “Ho accettato in dieci secondi – dice il nuovo allenatore del Perugia – prendendo la metà dell’ingaggio che potevo prendere a Palermo. Sono stato fortunato, io sono in cerca di queste persone”.

La parola d’ordine è “sinergia”. Tra l’allenatore, il direttore sportivo, il presidente. Nel rispetto dei ruli: “Ognuno nel proprio campo” chiarisce Baldini. Che aggiunge: “Se c’p questa sinergia, posso garantire che il Perugia andrà in Serie A. E’ una squadra forte”. E chiede “lo stadio pieno per spiccare il volo”.

Quanto ai dubbi sulla rosa creata per il gioco di Castori e sul modulo da adottare, Baldini assicura: “Il calcio non ha un modulo, ha degli interpreti. Io i moduli li ho fatti tutti…”.

Quello che chiede è avere il Curi pieno: “Se ci sono 30mila persone andiamo in Serie A, non ce n’è per nessuno”.

L’ultimo appello è del presidente Santopadre: “Voltiamo pagina”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!