SALDI: BILANCIO POSITIVO DOPO LA PRIMA SETTIMANA. ANZI FORSE COSI' COSI'! LA SITUAZIONE A SPOLETO E FOLIGNO (Foto commercianti - Dì la tua) - Tuttoggi.info

SALDI: BILANCIO POSITIVO DOPO LA PRIMA SETTIMANA. ANZI FORSE COSI' COSI'! LA SITUAZIONE A SPOLETO E FOLIGNO (Foto commercianti – Dì la tua)

Redazione

SALDI: BILANCIO POSITIVO DOPO LA PRIMA SETTIMANA. ANZI FORSE COSI' COSI'! LA SITUAZIONE A SPOLETO E FOLIGNO (Foto commercianti – Dì la tua)

Ven, 15/01/2010 - 10:00

Condividi su:


La crisi di certo non va mai incontro alle esigenze di consumatori e commercianti. Nonostante ciò la stagione dei saldi, iniziata in Umbria il 7 gennaio, sembra essere, in linea generale, in lieve miglioramento rispetto allo scorso anno. O almeno questo è quanto dicono a Tuttoggi.info alcuni esercenti di Spoleto e Foligno.

Nella città del festival la situazione sembra essere in lieve ripresa rispetto alla passata stagione anche se, in alcuni casi, la realtà si discosta dalle più rosee aspettative. “Magari la clientela è addirittura aumentata ma gli incassi rimangono sempre costanti – dichiara Volnero, cotitolare dell'Emporio Zucchero – anche se tutto sommato ho potuto notare una stagione in crescita rispetto alla precedente”. Analoga la risposta del titolare di Tommasino Abbigliamento: “Abbiamo iniziato con il piede giusto, sicuramente meglio della stagione passata”. Ancora più ottimistico è il commento dei responsabili di “Millenium”: “I saldi vanno bene, ma del resto è andata bene tutta la stagione. Non possiamo certo lamentarci”. Diverso è invece il parere della contitolare di Gentili Calzature la quale, con una punta di pessimismo afferma: “saldi a rilento, nettamente sotto le aspettative. Si sta assistendo ad un declino lento ed inesorabile che peggiora di anno in anno. Speriamo che, il prima possibile, si possa registrare un'inversione di tendenza”. Situazione simile a quella descritta dalla cotitolare di Elena Mirò abbigliamento, la quale, seppur con meno sconforto, concorda: “siamo in calo rispetto l'anno passato, al di sotto delle aspettative. La crisi c'è ed è inutile ignorarla.”

C'è poi chi registra acque appena increspate. “Il periodo promozionale è iniziato senza alti ne bassi” commenta Emanuela Ferracchiato della Boutique Baldini. Sullo stesso piano anche il titolare della Sartoria del Corso, Claudio Mattioli: “C'è sì movimento, ma i consumatori tendono a spendere di meno rispetto agli anni passati. Insomma, le cose non vanno a meraviglia ma non vanno neanche male”. Quello che emerge, dunque, è un quadro abbastanza frammentato che riprende compattezza e armonia solo quando si parla di regolamentare le promozioni e le date d'inizio dei saldi.

“Le date d'inizio dei saldi andrebbero unificate in tutta Italia. E' inammissibile che nel Lazio e nelle Marche iniziano il 2 gennaio, così si crea una concorrenza sleale tra le regioni”, sostiene Volnero trovando il consenso di tutti i colleghi, i quali aggiungono che “il punto non è solo questo. Andrebbero verificate e regolamentate, con maggior vigore, le norme che stabiliscono la possibilità di effettuare le promozioni, perché troppo spesso alcuni colleghi riempono le vetrine con cartelli tipo 'vendita promozionale per rinnovo locali' quando di fatto i locali restano tali e quali. Il mercato così viene falsato”. Quasi all'unisono Claudio Mattioli e Emanuela Ferracchiato che puntualizzano: “si dovrebbe tornare ai saldi di fine stagione. Ciò significa che gli sconti dovrebbero iniziare l'ultima settimana di febbraio o alla prima di marzo, la situazione attuale invece penalizza il consumatore che vede dimezzato il prezzo di un capo che, magari nel periodo natalizio, pochi giorni prima, aveva pagato quasi il doppio”.

Leggermente meglio sembra andare la situazione nel folignate. Nella città della quintana i commercianti, quelli intervistati da TO®, sembrano ottimisti. “Il week-end immediatamente successivo all'Epifania è stato molto produttivo – commenta il titolare del negozio Guido Abbigliamento -, rispetto all'anno scorso la realtà sembra essere migliorata. Certo, siamo solo alle prime battute, ma in linea generale c'è più movimento”. “Indubbiamente le cose vanno meglio rispetto ad un anno fa – gli fa eco la collega di Janser (abbigliamento) – i clienti sembrano più disponibili a spendere”. Ma c'è anche chi non si lascia ingannare da un buon inizio. “Devo dire che abbiamo iniziato col passo giusto – commenta il proprietario di Silvan Each – ora però bisogna vedere se l'onda positiva continuerà o se si è trattato solo di un fuoco di paglia. Comunque l'andamento generale, al di là di questa prima settimana di saldi, sembra rinfrancarci”.

Anche a Foligno, però, tiene banco la questione relativa allo scaglionamento delle date d'inizio del periodo “scontato” e della regolamentazione delle promozioni. Se ne fa portavoce il titolare di Rosso Verde (abbigliamento) il quale, dopo aver fornito un quadro tutto sommato soddisfacente circa l'andamento della propria attività, denuncia con forza l'assurdità che “alcune regioni possano iniziare i saldi prima di altre. Senza considerare che accade spesso che qualche negozio rileva degli articoli da un fallimento ed inventa promozioni impossibili. Questo non lede solo noi colleghi ma falsa tutto il ciclo produttivo in quanto il rappresentante non lavora, il grossista vende meno merce, chi è addetto ai trasporti perde una tappa… e così via. Alla lunga si viene a creare un circolo vizioso che non fa bene al mercato. Mi sembra ovvio che occorrano dei provvedimenti in merito”.

d.a.


Condividi su:


ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!