"Serve riconversione green cemento" la sfida di Cgil, a Ghigiano forni riaccesi (per un mese) - Tuttoggi

“Serve riconversione green cemento” la sfida di Cgil, a Ghigiano forni riaccesi (per un mese)

Davide Baccarini

“Serve riconversione green cemento” la sfida di Cgil, a Ghigiano forni riaccesi (per un mese)

Ven, 12/11/2021 - 10:01

Condividi su:


La proposta di Cgil Umbria è quella di creare a Gubbio un grande 'Distretto del cemento di nuova generazione', "Ma servono risposte immediate, sono a rischio molti posti di lavoro"

Il territorio eugubino potrebbe essere luogo ideale in cui elaborare una strategia per una riconversione green del settore cemento”. Questo pensa Cgil Umbria che ieri (11 novembre), insieme alle categorie Fillea (lavoratori del cemento) e Filt (lavoratori dei trasporti e dell’indotto) ha tenuto una conferenza stampa per “lanciare una sfida ad aziende e istituzioni”, nella consapevolezza che “solo con il coinvolgimento di pubblico e privato si potrà arrivare ad una vera svolta green del settore, senza perdere posti di lavoro”.

Gubbio e il cemento

Una sfida che la Cgil considera fondamentale per l’Umbria e in particolar modo per il territorio di Gubbio il cui Pil, per il 27%, ruota proprio intorno al settore del cemento, con circa 1500 lavoratori coinvolti tra diretti e indotto. “Gubbio – rimarca il sindacato – è l’unica città italiana in cui insistono due cementifici, con una storia che è ormai quasi centenaria, dove insistono anche le sedi amministrative del gruppo Colacem Spa e delle Cementerie Barbetti Spa”.

“Rischio di perdere posti di lavoro sempre più concreto”

La nostra preoccupazione è forte – insistono Cgil, Fillea e Filt – perché se non si avrà una svolta nella vicenda e le istituzioni non si faranno carico della vertenza, il rischio di perdere posti di lavoro diventa sempre più concreto”. Da questo punto di vista la Cgil si è detta insoddisfatta” dell’esito dell’incontro avuto con la Regione Umbria, rappresentata dalla presidente Tesei, lo scorso 26 settembre “che, ad oggi, non ha prodotto alcun passo avanti nel confronto con le aziende e il territorio”.

La sfida di Cgil “Un Distretto del cemento di nuova generazione”

Proprio allo scopo di difendere il patrimonio produttivo rappresentato dal settore cemento, migliorando l’impatto ambientale delle produzioni, la Fillea Cgil, insieme a Cgil Umbria, ha elaborato un progetto (sarà presentato nei prossimi giorni) che prevede la creazione di un “Distretto del cemento di nuova generazione” a Gubbio, da realizzare con investimenti che intreccino le opportunità degli strumenti europei (Pnrr in primis) con le risorse che le stesse aziende dovranno mettere in campo.

“Servono risposte immediate, oltre al Pnrr”

Noi pensiamo che il Pnrr possa essere volano di un’economia ambientalmente sostenibile e in grado di creare nuovi posti di lavoro – affermano ancora dal sindacato – ma per fare questo è necessario dare risposte nell’immediato, per evitare ulteriori perdite di posti di lavoro, sia procedere ad una programmazione strategica di lungo periodo, basata su dati scientifici seri, che disegni il futuro della regione in base alle proprie vocazioni”.

La situazione a Ghigiano

Intanto a Ghigiano, ormai da qualche giorno, è ripartita la produzione nei forni di Colacem, anche se andrà avanti per un solo mese, con la cassa integrazione per i dipendenti. Il 2022, – hanno aggiunto i sindacati – senza lo sblocco della situazione attuale, potrebbe portare ad altri 6 mesi di stop per Colacem, con la cassa per 120 operai diretti, senza considerare quelli dell’indotto, tra cui vi sono anche numerosi autotrasportatori (protagonisti della recente manifestazione di protesta in piazza 40 Martiri).

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!