Autotrasportatori eugubini in piazza "Scongiurare crisi settore cementiero" - Tuttoggi

Autotrasportatori eugubini in piazza “Scongiurare crisi settore cementiero”

Davide Baccarini

Autotrasportatori eugubini in piazza “Scongiurare crisi settore cementiero”

Mar, 02/11/2021 - 15:13

Condividi su:


Presidio con camion in piazza 40 Martiri di lavoratori e Rsu delle cementerie "Lavoro calato del 50%, viviamo disagio economico e morale. Sindaco e Regione si prendano proprie responsabilità"

Hanno manifestato in piazza 40 Martiri con alcuni dei loro camion, questa mattina (2 novembre), gli autotrasportatori eugubini, per dare un forte segnale a istituzioni locali e regionali sulla crisi legata ai due cementifici della città “con rallentamenti o addirittura fermate delle produzioni, che generano profondissime preoccupazioni nell’opinione pubblica, nelle maestranze e in tutto l’indotto”.

Gli autotrasportatori del Conset (Consorzio Eugubino Trasporti) insieme alle Rsu di Colacem e Barbetti, hanno voluto dunque portare in piazza un “disagio economico e morale”, legato ad un “calo del lavoro di oltre il 50%”, richiamando soprattutto l’attenzione del sindaco Filippo Mario Stirati e della presidente di Regione Donatella Tesei “perché si prendano le proprie responsabilità”.

Ovviamente al centro della protesta rimane il dibattito che va avanti da mesi sull’utilizzo del Css nelle cementerie, sullo stop temporaneo della produzione alla Colacem di Ghigiano e le conseguenti delocalizzazioni. “Bisogna confrontarci su quello che sta succedendo per evitare una crisi ancora più grande – hanno detto i manifestanti – Sono mesi che vengono agitate parole e silenzi irresponsabili che hanno portato ad una situazione allarmante sotto gli occhi di tutti. L’indebolimento o addirittura la chiusura delle attività del settore cementiero è un pericolo che va scongiurato subito!”.

Il settore del cemento – hanno concluso – caratterizza da sempre l’economia di Gubbio, rappresentando quasi il 30% del Pil locale. Non ci si può voltare dall’altra parte, come è stato fatto finora, vanno assunte iniziative concrete, vere, convincenti”. Inequivocabili i cartelloni attaccati sui camion: “Abbiamo a cuore il futuro di Gubbio e delle sue famiglie. Senza lavoro non c’è futuro per nessuno” oppure “Il lavoro e il nostro impegno fanno crescere il territorio”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!