"Retribuzioni da fame a 5 euro l'ora" lavoratori esterni e sindacati in presidio alla Solar Edge - Tuttoggi

“Retribuzioni da fame a 5 euro l’ora” lavoratori esterni e sindacati in presidio alla Solar Edge

Redazione

“Retribuzioni da fame a 5 euro l’ora” lavoratori esterni e sindacati in presidio alla Solar Edge

Mar, 29/11/2022 - 15:24

Condividi su:


L'azienda di Umbertide ha cambiato appalto per i servizi di vigilanza e pulizia, in cui è stato applicato un ribasso del 30% che si ripercuoterà sui salari già bassi dei lavoratori | Il coro di protesta "Basta appalti al massimo ribasso!"

Basta con gli appalti al massimo ribasso, con i passaggi da una cooperativa all’altra nei quali sono sempre i lavoratori a pagare e con retribuzioni da fame, di 4-5 euro l’ora, indegne di un paese civile“.

E’ il grido d’allarme lanciato stamattina (29 novembre) da Filcams Cgil Perugia, insieme a Nidil Cgil e Camera del Lavoro provinciale, nel corso di un presidio promosso dal sindacato ad Umbertide, di fronte alla Solar Edge, azienda metalmeccanica leader nelle tecnologie per le energie rinnovabili.

Proprio la Solar Edge si è resa protagonista di un cambio di appalto per i servizi di vigilanza e pulizia, nel quale è stato applicato un ribasso molto consistente (circa il 30%), che inevitabilmente si ripercuoterà sui salari, già molto bassi, di lavoratrici e lavoratori delle ditte coinvolte.

Aziende come questa, per la qualità delle produzioni e per il valore aggiunto che portano al nostro territorio, sono certamente da salvaguardare – ha osservato Riccardo Giulivi, segretario generale Filcams Cgil, intervenendo al presidio – tuttavia è ancor più inaccettabile che proprio chi fa della qualità il suo vanto si dimentichi poi di salvaguardare le fasce più deboli e di quel lavoro che comunque contribuisce al buon funzionamento dell’azienda, ovvero delle lavoratrici e dei lavoratori in appalto”.

Ma il presidio della Filcams Cgil non era rivolto ovviamente solo al caso specifico: “Purtroppo la denuncia è generalizzata – ha spiegato Vasco Cajarelli della segreteria Filcams – perché sia nel pubblico che nel privato, la pratica del massimo ribasso e dei continui cambi di appalto che ledono i diritti di chi lavora è la norma”.

Per questo il sindacato, Cgil in testa, chiede da tempo una legge regionale sugli appalti, che regoli questo mondo fatto di decine di migliaia di lavoratori spesso lasciati senza dignità. La stessa rivendicata a gran voce da Laura Pucci, lavoratrice delle pulizie di un appalto pubblico: “Perché lavorare per 4-5 euro l’ora – ha detto quest’ultima al presidio – non solo non permette di vivere dignitosamente, ma è un insulto ai tanti sacrifici che facciamo ogni giorno per noi e per le nostre famiglie”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!