Restauro opere d’arte, Cgil “Tutelare realtà esistenti”

Restauro opere d’arte, Cgil “Tutelare realtà esistenti”

Bravi e Benedetti (Cgil) chiedono il coinvolgimento nel sindacato nella costituzione di una task force per il recupero delle opere danneggiate dal sisma

share

Nella positiva costituzione di una task force per il recupero delle opere d’arte danneggiate dal terremoto serve un confronto con il sindacato ed è importante tutelare le realtà esistenti sul territorio. È quanto sostiene in una nota la Cgil, attraverso Mario Bravi e Cristian Benedetti.

“Apprendiamo che grazie all’intervento deliberato dalla Consulta delle Fondazioni Casse di Risparmio dell’Umbria, guidate dal presidente spoletino Sergio Zinni e avvalendosi degli esperti delle Officine Pietre Dure di Firenze, – evidenziano Bravi e Benedetti – si darà vita ad una task force a Santo Chiodo di Spoleto, per mettere in sicurezza 350 opere d’arte delle 6mila ferite dal sisma nell’area della Valnerina. E la soprintendente ai Beni Culturali dell’Umbria dott.ssa Marica Mercalli, ha preso contatti in questo senso con il suo collega di Firenze. L ‘obiettivo sottolineato anche dall’assessore regionale della cultura Fernanda Cecchini è di dare vita a Spoleto, al Polo del Restauro dei Beni Culturali.

Fermo restando che come CGIL condividiamo gli obiettivi, vorremmo sottolineare che la modalità con cui li si vuole raggiungere non ci sembra secondaria e per alcuni aspetti può e deve essere arricchita. Per esempio non si può ignorare, come ci sembra faccia finora la Regione dell’Umbria, il Comune di Spoleto, la Fondazione Cassa di Risparmio e la stessa Soprintendente, che in Umbria e anche a Spoleto ci sono esperienze, aziende, professionalità di assoluta eccellenza nel campo del restauro e che è utile un confronto con chi rappresenta il lavoro.

Ci sono esperienze che vivono una condizione di difficoltà (peraltro non dipendenti da loro) e che possono dare un valido contributo alla messa in sicurezza delle 6mila opere d’arte ferite e alla Costituzione del Polo del Restauro a Spoleto. Esperienze e realtà presenti a Spoleto, a Perugia e a Gubbio. Non vorremmo essere costretti a fare l’elenco (visto che sono note a tutti) e nemmeno essere considerati autarchici o campanilisti, ma è francamente paradossale che la ricostruzione del territorio prescinda dal territorio stesso! Quindi è positivo l’utilizzo di operatori del territorio, già previsto, ma crediamo utile realizzare un ulteriore salto di qualità. In questo senso invitiamo Regione, Comune, Fondazione  e Soprintendente a realizzare un incontro con il sindacato che rappresenta i lavoratori e le lavoratrici del settore. Pensiamo sia utile e anche necessario”.

share

Commenti

Stampa