Rapine in banche e attività commerciali, quattordici arresti tra Umbria, Toscana e Sicilia - Tuttoggi

Rapine in banche e attività commerciali, quattordici arresti tra Umbria, Toscana e Sicilia

Flavia Pagliochini

Rapine in banche e attività commerciali, quattordici arresti tra Umbria, Toscana e Sicilia

Maxi operazione dei carabinieri: tutto è partito da una rapina ai danni di un gestore di una sala scommesse avvenuta a Corciano
Mar, 18/06/2019 - 12:41

Condividi su:


Rapine in banche e attività commerciali, quattordici arresti tra Umbria, Toscana e Sicilia

Sono quattordici le ordinanze di custodia cautelare in carcere eseguite dai carabinieri del comando provinciale di Perugia, in collaborazione con i comandi dell’Arma di Prato e Catania.

Tutte le persone indagate, cittadini italiani alcuni dei quali già noti alle forze dell’ordine, sono ritenute responsabili di una serie di rapine avvenute in Umbria e Toscana, sei in provincia di Perugia e una in provincia di Arezzo. I quattordici sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di rapina aggravata, sequestro di persona, porto illegale di armi e lesioni personali aggravate.

Gli arresti (che includerebbero il titolare di un’agenzia di investigazione, incensurato, e un medico) sono stati effettuati  non solo a Perugia, ma anche a Catania e Prato.

Ad essere prese di mira dai malviventi, gioiellerie e tabaccherie, banche e sale scommesse. Tutte sono state colpite dai banditi che, armati, e con molta violenza e aggressività, minacciavano i presenti per poi prendere ciò che era in cassa e fuggire via. In almeno un caso – hanno spiegato stamattina i carabinieri – ci sono stati esplosi colpi d’arma da fuoco.

Le indagini sono nate da una rapina avvenuta nel marzo 2018, a Ellera di Corciano, ai danni di un cittadino italiano che stava depositando in cassa continua l’incasso della giornata. L’uomo, titolare di una sala scommesse, era stato aggredito da due persone a volto coperto che, con lo spray urticante, lo avevano derubato di tutti i soldi, circa 40.000 euro.

Le indagini dei carabinieri corcianesi, andate avanti per cinque mesi e condotte anche con l’ausilio delle immagini di videocamere di sorveglianza e con i rilievi del Ris che hanno permesso di risalire a una delle auto usate, hanno consentito di accertare l’esistenza di due gruppi criminali, operativi nell’area toscana e in provincia di Perugia, dediti soprattutto a rapine a esercizi commerciali e istituti di credito. 

In casa delle quattordici persone sono stati rinvenuti tra l’altro due coltelli di genere proibito, un machete, una cassaforte sigillata e due noccoliere (due tirapugni). 

Otto delle quattordici persone sono ora chiuse in carcere (a Perugia, Prato e Catania), cinque sono agli arresti domiciliari mentre un indagato è scappato ed è tutt’ora ricercato.  

Le indagini dei militari continuano raccogliere elementi di prova per verificare se la banda possa aver agito in altri episodi simili, con lo stesso modus operandi.

Aggiungi un commento