Raccolta delle olive fuori dal Comune, arriva la risposta del Governo: le regole

Raccolta delle olive fuori dal Comune, arriva la risposta del Governo: le regole e l’autocertificazione

Redazione

Raccolta delle olive fuori dal Comune, arriva la risposta del Governo: le regole e l’autocertificazione

Sab, 14/11/2020 - 10:18

Condividi su:


Raccolta delle olive fuori dal Comune, arriva la risposta del Governo: le regole e l’autocertificazione

Raccolta delle olive fuori dal proprio Comune nelle regioni a rischio Covid rosse e arancioni, arriva il definitivo chiarimento del Governo. Che consente, come era stato anticipato dalle associazioni di categoria degli agricoltori, la raccolta delle olive e di altri prodotti agricoli anche ai cosiddetti hobbisti nei propri terreni posti fuori dal comune di residenza. Tale attività, chiarisce il Governo nelle Faq sul Coronavirus, è assimilata all’attività lavorativa.

Caccia, pesca e tiro: i divieti, le regole e le autocertificazione
in base alle fasce di rischio Covid

Raccolta delle olive, accesso ai frantoi e orti: così il Governo

Questo il quesito e la risposta del Governo:

È consentito, anche al di fuori del Comune ovvero della Regione di residenza, lo svolgimento di attività lavorativa su superfici agricole, anche di limitate dimensioni, adibite alle produzioni per autoconsumo, non adiacenti a prima od altra abitazione?

Sì, la cura dei terreni ai fini di autoproduzione, anche personale e non commerciale, integra il presupposto delle esigenze lavorative, contemplato per le zone “arancioni” e “rosse” dagli artt. 2 comma 4 lett. a), e 3, comma 4, lett. a), del DPCM 3 novembre 2020. Quindi la coltivazione del terreno per uso agricolo e l’attività diretta alla produzione per autoconsumo (quale ad. esempio quella di raccolta delle olive, conferimento al frantoio e successiva spremitura) sono consentite, a condizione che il soggetto interessato attesti, con autodichiarazione completa di tutte le necessarie indicazioni per la relativa verifica, il possesso di tale superficie agricola produttiva e che essa sia effettivamente adibita ai predetti fini, con indicazione del percorso più breve per il raggiungimento del sito“.

I familiari impegnati nella raccolta delle olive

Come chiarisce Coldiretti, possono effettuare spostamenti in altro comune anche i collaboratori familiari che aiutino nella raccolta delle olive. Ma questa misura vale per i soggetti familiari (parenti e affini) entro il sesto grado di parentela.

Questa l’interpretazione di Coldiretti: “La possibilità di collaborazione occasionale all’interno dell’impresa agricola è estesa ai parenti e affini fino al sesto grado (prima era ammesso solo fino al quarto grado) senza che le prestazioni svolte in modo meramente occasionale o ricorrente di breve periodo, a titolo di aiuto, mutuo aiuto, obbligazione morale senza corresponsione di compensi, salvo le spese di mantenimento e di esecuzione dei lavori, integrino un rapporto di lavoro autonomo o subordinato. Conseguentemente, i collaboratori familiari occasionali possono effettuare spostamenti fuori dal proprio comune di residenza, per lo svolgimento delle attività dell’impresa agricola e quindi per comprovate esigenze lavorative, mediante l’utilizzo dell’autocertificazione. La collaborazione alle attività agricole svolte da un’impresa agricola da parte di parenti e affini fino al sesto grado si intende anche per tutte le attività afferenti e connesse a quelle dell’impresa agricola, comprese le attività di trasporto di prodotti agricoli e consegna degli stessi, le attività di reperimento dei prodotti necessari alla produzione agricola e, nel caso degli agriturismi, le attività di consegna dei pasti e delle bevande pronti presso il domicilio dei clienti“.

Tutti devono munirsi di autocertificazione, evitare assembramenti durante la raccolta e il trasporto delle olive, utilizzare la mascherina e gli altri accorgimenti anti Covid.

Spostamenti, dove scaricare e come compilare
l’autocertificazione

L’aiuto da parte di amici in un terreno situato fuori dal proprio comune è di norma vietato, salvo comprovate esigenze che integrino lo stato di necessità e che devono essere motivate. In questo caso si consiglia di chiedere un parere alle autorità locali.

Le aziende agricole

Ovviamente, le aziende agricole possono provvedere alla raccolta delle olive e alla molitura anche al di fuori dei confini comunali e regionali. Le persone impegnate in tali attività devono comunque rispettare le misure precauzionali anti Covid e munirsi di autocertificazione.

Zone di rischio Covid, le ultime disposizioni

In base alle ultime disposizioni del Ministero della Salute, queste sono le fasce di rischio Covid:

Zona rossa: Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Provincia di Bolzano, Toscana, Calabria;

Zona arancione: Friuli Venezia Giulia, Liguria, Emilia Romagna, Umbria, Marche, Abruzzo, Puglia, Sicilia, Basilicata;

Zona gialla: Veneto, Provincia di Trento, Lazio, Molise.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!