Questionario sull'omofobia per le scuole, scontro in Senato - Tuttoggi

Questionario sull’omofobia per le scuole, scontro in Senato

Redazione

Questionario sull’omofobia per le scuole, scontro in Senato

Il sottosegretario Giuliano: "Fermato un abuso nelle scuole umbre" | Cirinnà: clima d'odio, la diversità è un valore | Pillon: esperimenti sui figli, vomitevole
Ven, 08/03/2019 - 08:23

Condividi su:


Dall’Umbria, passando per Perugia (se votate Romizi consegnata la città ai seguaci di Salvini” è il monito dei dem) lo scontro tra il Pd e la Lega si è trasferito al Senato. Il motivo del contendere, il questionario per l’indagine su omofobia, razzismo e bullismo da distribuire nelle scuole umbre e predisposto da alcuni docenti del Dipartimento di scienze sociali dell’Università degli studi di Perugia sulla base di un progetto elaborato insieme alla Regione Umbria, all’Ufficio scolastico regionale e a varie associazioni.

Il questionario è stato bloccato dal ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, ma la vicenda è tornata in Aula a seguito delle interrogazioni presentate dal Partito democratico (prima firmataria Monica Cirinnà, insieme agli umbri Nadia Ginetti e Stefano Grimani, e dal leghista Simone Pillon.

Il sottosegretario Salvatore Giuliano, rispondendo alle interrogazioni, ha ringraziato i genitori per aver segnalato “l’abuso che si stava perpetrando nelle scuole umbre“. Aggiungendo: “La lotta al bullismo si fa con le famiglie e non contro, educando i figli al rispetto del corpo. A garanzia di tutti deve esserci il consenso informato“.

Ma Monica Cirinnà è intervenuta a difesa della ricerca, denunciando il clima d’odio, anche “a livello istituzionale“, che porta gli italiani a pensare che la diversità “sia una vergogna“. Per Cirinnà è a scuola che si deve insegnare ai ragazzi che “la diversità è un valore“.

Esperimenti sui nostri figli, è vomitevole” la replica di Simone Pillon. Che poi, concluso il dibattito, ha aggiunto: “Ringrazio le associazioni dei genitori che hanno denunciato l’abuso che si stava perpetrando nelle scuole umbre, consentendo al Ministero di bloccare tempestivamente i questionari gender che imponevano a bambini di 12 anni di scegliere la loro personale identità tra sei sessi diversi, tra cui bisessuale e asessuale. Il Governo ha garantito in tal modo un nesso di fiducia tra scuola e famiglia, che non può essere tradito in alcun modo“.

Poi, rivolto ai dem: “Al Pd, che insiste a difendere gli esperimenti gender, va ricordato l’articolo 30 della Costituzione e l’art. 26 della dichiarazione universale dei diritti umani, che sanciscono la priorità dei genitori per il tipo di educazione per i loro figli, oltre alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo, per cui lo Stato deve rispettare il diritto dei genitori di assicurare l’educazione e l’insegnamento secondo le proprie convinzioni religiose e filosofiche. L’alleanza educativa tra famiglia e scuola è indispensabile e prioritaria. Episodi come quello denunciato in Umbria si ripetono continuamente. Se per il Pd questa è lotta al bullismo, per noi è l’esatto contrario: si tratta di autentico bullismo di adulti sui figli degli altri praticando esperimenti sociali inaccettabili, e indottrinamento politico-ideologico. La lotta al bullismo si fa con le famiglie e non contro le famiglie, educando i figli al rispetto del corpo e non sessualizzandoli precocemente, usando il buonsenso e non promuovendo ricerche infarcite di ideologia vomitevole. A garanzia di tutti deve esserci il consenso informato, che permette alle famiglie, informate preventivamente, di decidere legittimamente quali contenuti siano ritenuti adeguati o meno. I genitori – ha concluso Pillon – non accetteranno più questo tipo di soprusi e denunceranno ogni tentativo“.

«Ogni diversità è considerata da punire, è considerata una vergona… è lì che la scuola interviene nel diventare quel nido di protezione nel quale insegnare ai ragazzi che la loro diversità è un valore…».

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!