Presentata la XXII edizione di Frantoi Aperti in Umbria, alla presenza del Ministro Teresa Bellanova - Tuttoggi

Presentata la XXII edizione di Frantoi Aperti in Umbria, alla presenza del Ministro Teresa Bellanova

Redazione

Presentata la XXII edizione di Frantoi Aperti in Umbria, alla presenza del Ministro Teresa Bellanova

Dal 26 ottobre all'8 dicembre in Umbria, l'Olio Extravergine d'Oliva protagonista per 7 weekend
giovedì, 24/10/2019 - 12:15

Condividi su:


Presentata la XXII edizione di Frantoi Aperti in Umbria, alla presenza del Ministro Teresa Bellanova

Si è tenuta nel tardo pomeriggio di ieri, mercoledì 23 ottobre, presso l’Abbazia di Santa Croce in Sassovivo di Foligno, la conferenza stampa di presentazione della XXII edizione di Frantoi Aperti in Umbria, alla presenza di Teresa Bellanova, Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

Al via dunque, sabato 26 ottobre, la XXII edizione di Frantoi Aperti, l’iniziativa organizzata dall’Associazione Strada dell’Olio e.v.o di Oliva Dop Umbria che si terminerà l’8 dicembre p.v. Tanti i comuni e i Frantoi che hanno aderito all’iniziativa che, proprio nel periodo della frangitura delle olive, mette al centro dei riflettori l’Umbria rurale, i borghi ad alta vocazione olivicola e le città d’arte, i produttori di olio e l’Olio Extravergine di Oliva Dop Umbria.

Ad aprire Frantoi Aperti saranno protagonisti, sabato 26 e domenica 27 ottobre: Assisi con “Unto nei Castelli del territorio” (dal 27 ottobre al 24 novembre), Bevagna che proporrà “O-Live” (26 e 27 ottobre); Panicale e Castiglione del Lago che organizzeranno “Pan’olio” (26 e 27 ottobre).
Sparsi per tutta la regione poi, i borghi su cui si accenderanno i riflettori nei successivi sei fine settimana di Frantoi Aperti.

Nell’Umbria centrale oltre Bevagna, Gualdo Cattaneo il “borgo dei castelli” che prenderà parte a Frantoi Aperti con “Sapere di Pane, Sapore di Olio” (2 e 3 novembre); Castel Ritaldi “Il Paese delle Fiabe”, dove è in programma “Frantotipico” (9 e 10 novembre), Giano dell’Umbria, che sarà protagonista con la “La Mangiaunta” (1, 2, 3 novembre) e “Le Vie dell’Olio -Festa della Frasca” (23 e 24 novembre).

Nell’Umbria della Fascia Olivata saranno protagonisti oltre Assisi, Campello sul Clitunno, che ha in calendario la “Festa dei Frantoi” (1, 2 e 3 novembre), Trevi la “Capitale dell’Olio” con “Festivol” (1, 2, 3 novembre) e Spello, dove si terrà “L’Oro di Spello – 58^ Festa dell’olivo e Festa della bruschetta” (15, 16, 17 novembre).

Nell’Umbria del Lago i borghi coinvolti, oltre Panicale e Castiglione del lago, saranno Magione, con “Olivagando” (10 novembre e 16 e 17 novembre); Passignano sul Trasimeno dove è in programma “Oliamo” (9 e 10 novembre), Tuoro sul Trasimeno che sarà protagonista con la “Festa dell’olio” (9 e 10 novembre).

Nell’Umbria meridionale Frantoi Aperti toccherà infine due comuni: Arrone dove è in programma “Amor d’olio” (9 e 10 novembre) e Avigliano Umbro che sarà centro capofila del progetto “Maratona dell’Olio” (6,7,8 dicembre) e dove si terrà quindi la “Benfinita di Frantoi Aperti”.

L’edizione di quest’anno, che vedrà protagonisti come sempre i Frantoi, collegati ai borghi aderenti da un servizio gratuito di navette, è stata pensata per soddisfare le esigenze di un’ampia platea di persone, con gusti e aspettative diverse: per i più piccoli sono previste diverse iniziative sia nei frantoi che nei borghi, tra cui, in occasione di Festivol a Trevi, la prima edizione di “Festivol Junior”, un mini festival interamente dedicato ai bambini, con un ricco programma di attività volte al divertimento, ma anche alla conoscenza della tradizione olearia e della coltura dell’olivo, con appuntamenti come la merenda con “Pane e Olio”, le passeggiate in centro storico con l’”Asino Bus”, laboratori, letture, spettacoli; e a Bevagna “O-LIVE JUNIOR CHEF” in programma domenica 27 Ottobre, un Laboratorio a famiglie e bambini per la realizzazione di “ciambelline all’olio d’oliva”.

Per i gourmet appassionati di natura e cultura, ogni sabato e domenica di Frantoi Aperti sarà possibile partecipare al Brunch Tour, Brunch con musica in luoghi speciali dell’Umbria. l brunch saranno un’occasione per degustare i prodotti del territorio in abbinamento all’olio Extravergine di Oliva appena franto e per scoprire luoghi unici dell’Umbria minore, grazie alle visite guidate proposte a termine del pranzo a cura delle guide turistiche dell’Associazione “Le Vie dell’Arte”. I luoghi interessati dai Brunch saranno raggiungibili anche a piedi attraverso un’escursione ad anello tra gli ulivi guidata e a partecipazione gratuita. Ogni sabato e domenica poi saranno organizzate degustazioni guidate di olio extravergine d’oliva curate da esperti assaggiatori, grazie alla collaborazione con l’Azienda Speciale Promocamera della CCIA di Perugia.

Per i giovani l’intrattenimento sarà assicurato dalla serata “Oiler room – Dj set in Frantoio” in programma il 22 novembre presso il nuovo Frantoio Centumbrie di Magione, un Dinner party organizzato in collaborazione con Balearico.
Per i camminatori e gli amanti delle passeggiate in mezzo alla natura sono in programma ogni fine settimana trekking tra gli olivi e itinerari con merende e pranzi nei tanti frantoi aderenti, luoghi di incontro e di socializzazione dove si potrà degustare l’olio appena franto.
Per gli appassionati di arte ci sarà la quinta edizione di “#CHIAVEUMBRA 2019_ Ingannevole come il vento. Arte paesaggio immagine”, progetto di mostra d’arte contemporanea diffusa in ambienti poco noti e accessibili dell’Umbria “minore”, che saranno in via eccezionale aperti ai visitatori e dove in questa edizione le opere daranno voce a una riflessione degli artisti sul confine sempre dubbio tra ciò che è artificiale e ciò che è naturale, ciò che è ritenuto indubitabile e in realtà nasconde solo una lettura stereotipata della realtà.

Questo l’intervento del Ministro Teresa Bellanova:
“Frantoi Aperti ci dà l’opportunità di valorizzare l’arte olearia, l’arte di trasformare i frutti in prodotti, ma che oltre al lato economico, ci permette di riavvicinarci alle nostre radici, al nostro territorio, all’importanza che le coltivazioni di olivi, rivestono nel mantenimento e nella protezione del nostro paesaggio. Io vengo dalla Puglia, terra di olivicoltori – ha proseguito il Ministro Teresa Bellanova- gli alberi per i contadini sono come i figli, ogni albero ha la sua storia, un aneddoto. Quando un terreno e degli alberi, vengono abbandonati, oltre al dolore per la perdita economica, c’è il dolore di perdere gli alberi come tratto identitario e culturale. La coltura dell’olivo rappresenta un elemento di richiamo alle nostre radici, al nostro paesaggio, che va al di là dell’aspetto economico.
Un territorio come questo umbro che, nella zona della Fascia Olivata, ha avuto un importante riconoscimento come quello della FAO, è un paesaggio accogliente e ricco, che sa conservare un bene prezioso come l’albero di olivo.
Da ottobre a dicembre qui in Umbria si vive un momento di grande festa, che va dalla raccolta delle olive fino all’arrivo dell’olio nuovo, un bene prezioso. È il momento in cui grazie all’evento Frantoi Aperti presentiamo i nostri paesaggi rurali ai turisti e gli facciamo conoscere l’olio extravergine di oliva, che è la base sana della dieta mediterranea. È importante per i nostri territori avere delle buone pratiche agricole, dobbiamo fare i conti con l’abbandono del territorio agricolo, del paesaggio, che causa anche disastri. Serve attenzione assidua al territorio e azioni a sostegno del reddito degli agricoltori, a sostegno degli investimenti in agricoltura, questo è l’impegno che abbiamo affinchè i giovani siano sempre più stimolati a riprendere in mano i terreni. Il mio obiettivo, – prosegue il Ministro – è di investire nella filiera, nel sostenere la sinergia tra le piccole imprese, che in realtà sono i “veri giganti” della qualità, per arrivare in maniera sinergica al vero mercato del Made in Italy. Il mio primo obiettivo è sostenere con maggiore forza la tracciabilità di tutta la filiera produttiva, l’etichettatura di origine, poi una battaglia di sistema sui dazi, perché i dazi oltre a creare danno ai produttori italiani, incentivano, negli Stati Uniti e negli altri paesi con politica di dazi, l’acquisto di prodotti alimentari di minore qualità, con le conseguenze per la salute che ben conosciamo”.

A raccontare questa edizione di Frantoi Aperti è stato Paolo Morbidoni, Presidente dell’Associazione Strada dell’Olio evo Dop Umbria, che ha detto:

“Presentiamo quest’anno la XXII edizione di Frantoi Aperti, una delle più belle mai realizzate in questi anni, valorizzata oggi dalla presenza del Ministro, per la prima volta nella storia dell’evento. Un’edizione extra large di Frantoi Aperti. Una grande taglia non solo per quanto riguarda la durata (sette week), ma anche per i contenuti, che andranno a comporre, per più di un mese, una vera e propria kermesse della qualità: del cibo, dei territori e delle aziende che si snoderà per tutta l’Umbria, dal Trasimeno alla Provincia di Terni. Due anni fa, in occasione della XX edizione avevamo promesso di lavorare per innovare il format e rendere la manifestazione sempre più una chiave di lettura originale di un territorio e non solo di conoscenza e valorizzazione dell’olio extravergine di oliva. Con l’edizione di quest’anno possiamo dire di aver completato la metamorfosi. Frantoi Aperti è oggi un evento rivolto ad un pubblico più giovane, più informato, più consapevole. È una vetrina permanente per quelle aziende che negli ultimi anni hanno fatto scelte radicali di innovazione e hanno spinto in maniera importante sull’accoglienza.”

Ad intervenire poi per portare i saluti delle istituzioni: Lorenzo Schiarea, Presidente del Consiglio comunale di Foligno e Fernanda Cecchini, Assessore all’agricoltura della Regione Umbria.


Condividi su:


Aggiungi un commento