Perugia, infermieri di sala operatoria a convegno tra sicurezza e responsabilità  - Tuttoggi

Perugia, infermieri di sala operatoria a convegno tra sicurezza e responsabilità 

Redazione

Perugia, infermieri di sala operatoria a convegno tra sicurezza e responsabilità 

Il PM Petrazzini, tra i relatori, ” L’equipe operatoria come una orchestra” 
Mar, 20/03/2018 - 11:49

Condividi su:


Gli infermieri che lavorano nelle sale operatorie delle aziende ospedaliere dell’Umbria, hanno partecipato al primo convegno organizzato dalla loro associazione(A.I.S.O), che si propone di accrescere la cultura della responsabilità e delle competenze specifiche  per fronteggiare l’incalzare della tecnologia avanzata in   chirurgia.

All’incontro, che si è svolto nell’ultimo fine settimana presso la sala Rita Levi-Montalcini del CREO, hanno partecipato 120 infermieri in attività nelle varie realtà della regione. A sollecitare l’iniziativa, di cui i professionisti  da tempo avvertivano l’esigenza, sono stati i referenti regionali , Elide Moretti, Mauro Giappichini e Marta Pastorelli dell’Azienda Ospedaliera di Perugia. Sono stati  proposti  argomenti riguardanti i processi  assistenziali e tecnico-organizzativo; ed inoltre, la sicurezza del paziente e la a responsabilità dei professionisti.

I giuristi intervenuti  – il procuratore generale della Corte d’Appello di Perugia Fausto Cardella e il sostituto procuratore della Repubblica Giuseppe Petrazzini – hanno esposto i concetti cardine della  legge  Bianco-Gelli, che  regolamenta la responsabilità  professionale in ambito sanitario. Sono stati ricordati i passaggi  determinanti nella pratica infermieristica   rispetto alla  normativa.  “ Visto che l’attività di sala operatoria è per definizione un lavoro di squadra- dice Elide Moretti-  è risultata appropriata l’espressione del Dottor Petrazzini, che ha paragonato l’equipe operatoria ad una orchestra , i cui musicisti hanno l’obbligo di seguire lo stesso spartito. L’infermiere, al pari dell’orchestrale, non può usare uno spartito diverso “.

Sull’importanza della gestione del rischio in sala operatoria  si è soffermata la dottoressa Laura Paglicci Reattelli, medico legale del S. Maria della Misericordia. “ Impropriamente si ritiene che il servizio che evidenzia il maggior numero di eventi avversi è quello che commette più errori, non è affatto così. Quello  è il servizio  che controlla maggiormente ogni fase del processo, la descrive e la corregge”.

Nell’ambito della umanizzazione dell’assistenza, gli infermieri di sala operatoria stanno lavorando ad un progetto che prevede un incontro pre-operatorio con il paziente. “ Vogliamo rafforzare  il rapporto fiduciario  attraverso un colloquio  pre-operatorio conoscitivo e informativo –dice Marta Pastorelli- recuperando il concetto che  la comunicazione è tempo di cura”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!