Il personale e i pazienti del servizio di Oncoematologia dell’Ospedale di Spoleto festeggiano il Natale

Il personale e i pazienti del servizio di Oncoematologia dell’Ospedale di Spoleto festeggiano il Natale

Presenti il Sindaco Bececco e il Direttore Sanitario Sapori

share

Sabato 16 dicembre si è svolto, presso il servizio di Oncoematologia dell’Ospedale di Spoleto, la tradizionale riunione natalizia tra il personale medico ed infermieristico ed i pazienti. L’incontro, che ha visto la partecipazione delle istituzioni, rappresentate dalla Sindaco Dr.ssa Bececco e dalla dirigenza sanitaria, rappresentata dal Direttore Sanitario Dr. Sapori, è stata l’occasione per ringraziare tutte le istituzioni che  sono state e sono vicine alla struttura supportandola nella realizzazione dei vari progetti. Un particolare ringraziamento è stato rivolto alla Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto ed alle associazioni di volontariato ONLUS quali la A.U.C.C., l’Associazione Gillo, l’Associazione AMO e l’Associazione il Cigno. E’ stato un incontro per fare il punto su ciò che è stato realizzato e sui futuri progetti finalizzati al miglioramento del livello assistenziale della struttura. Un particolare encomio è stato rivolto alla Dr.ssa Leda Carciofi per l’attività di supporto psicologico offerto ai pazienti oncologici. E’ stata, inoltre, l’occasione per far vivere il servizio di Oncoematologia non più come luogo in cui si concentrano le angosce e le speranze ma come luogo in cui poter vivere e ricordare anche momenti di allegria. Allegria data dalla partecipazione del gruppo “La Squaqquerata” che ha allietato con le proprie gags tutti i partecipanti. Tutti i presenti hanno ribadito i principi che hanno sostenuto e continuano a sostenere l’attività del servizio di Oncoematologia dell’Ospedale di Spoleto e cioè l’avvicinare i professionisti alle richieste di salute del territorio evitando inutili “viaggi della speranza” garantendo elevati livelli di cura frutto anche della collaborazione con Istituti di riferimento sia regionali che nazionali. Alla fine, come da tradizione, un brindisi augurale per il Natale e per un felice anno nuovo .

share

Commenti

Stampa