Perquisito Palamara: si allarga l'inchiesta perugina - Tuttoggi

Perquisito Palamara: si allarga l’inchiesta perugina

Redazione

Perquisito Palamara: si allarga l’inchiesta perugina

Nel mirino soldi, viaggi e regali da Centofanti | Avviso a comparire per il consigliere Csm Spina e il pm Fava
Gio, 30/05/2019 - 20:29

Condividi su:


L’abitazione del magistrato Luca Palamara, ex presidente dell’Anm, è stata sottoposta a perquisizione su ordine della Procura di Perugia che indaga sul presunto caso di corruzione. Soldi (40mila euro), viaggi per Palamara ed i suoi familiari; un anello ad una persona a lui vicina. Questi, secondo i magistrati perugini, i regali accettati per favorire le nomine.

Ma l’indagine si allarga, con l’avviso a comparire per il consigliere del Csm Luigi Spina e per il pubblico ministero Stefano Fava, entrambi indagati per rivelazione di segreto e favoreggiamento.


La Procura di Perugia indaga Luca Palamara


Uno sviluppo clamoroso, che arriva dopo che mercoledì si era diffusa la notizia che uno degli attuali consiglieri togati risulta a sua volta indagato, per violazione del segreto d’ufficio e favoreggiamento. Secondo i magistrati perugini, infatti, appreso dell’inchiesta quando ne è stata data comunicazione al Csm, avrebbe informato Palamara degli accertamenti a suo carico.

I magistrati perugini sarebbero arrivati a Palamara seguendo le tracce dei soldi dell’imprenditore Fabrizio Centofanti, arrestato nel febbraio 2018 insieme agli avvocati siciliani Pietro Amara e Giuseppe Calafiore in un’indagine collegata fra le Procure di Roma e Messina. Palamara era amico di Centofanti, e la Guardia di Finanza ha segnalati viaggi, regali e rapporti che sarebbero proseguiti anche dopo una perquisizione subita dall’imprenditore nel 2017.

Durante questa inchiesta sono emersi incontri dello stesso Palamara con politici e magistrati che sarebbero serviti a gestire la partita per portare alla guida della Procura romana l’attuale procuratore generale di Firenze Marcello Viola, aderente a Magistratura indipendente, indicato una settimana fa dalla commissione incarichi direttivi.

Palamara, secondo fonti giornalistiche, respinge ogni accusa, per un reato giudicato “infamante“.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!