Panchine di B, dopo la sesta giornata il Giorno del Giudizio

Panchine di B, dopo la sesta giornata il Giorno del Giudizio

Massimo Sbardella

Panchine di B, dopo la sesta giornata il Giorno del Giudizio

Mar, 20/09/2022 - 12:40

Condividi su:


Così Benevento, Perugia, Pisa e Como cercano di dare una svolta al loro campionato fin qui deludente

Complice la sosta del campionato per gli impegni delle nazionali, dopo appena sei giornate è arrivato il Giorno del Giudizio in Serie B, con ben quattro panchine saltate.

Nella giornata di lunedì sono stati ufficializzatigli esoneri di Caserta dal Benevento, Castori dal Perugia, Gattuso dal Como e Maran dal Pisa. Al loro posto sono stati chiamati, rispettivamente, Fabio Cannavaro per guidare le Streghe, Silvio Baldini per i Grifoni, Moreno Longo per i Lariani, mentre la società nerazzurra ha richiamato Luca D’Angelo.

Sono già sei le panchine cambiate in Serie B quest’anno, contando anche Bisoli arrivato dopo la prima giornata a sostituire Zauli al Sudtirol e Baldini che a luglio, prima dell’inizio della stagione ufficiale, aveva deciso di lasciare il Palermo per contrasti con la nuova società.

Qui Perugia

Proprio il vulcanico Baldini riparte da Perugia (martedì alle 16 è previsto il primo allenamento), insieme a tutto il suo staff. Il fatto che alcuni collaboratori fossero contrattualmente ancora legati al Palermo ha fatto slittare di qualche ora l’accordo definitivo con la società di Massimiliano Santopadre. Che cerca di rimettere in sesto un campionato iniziato molto male, con appena una vittoria e un pareggio sotto la guida di Fabrizio Castori, che non è riuscito a trovare il feeling con alcuni dei protagonisti dello scorso campionato. Baldini troverà in rosa alcuni dei fedelissimi del tecnico di San Severino Marche e soprattutto una batteria fin troppo nutrita di attaccanti per il suo modulo.

Qui Benevento

Esonerato anche un altro ex Grifone, Fabio Caserta, che per approdare sull’ambiziosa panchina delle Streghe si era lasciato piuttosto male con la pizza biancorossa, dove aveva conquistato la Serie B. Mancata la promozione in A lo scorso anno, tra alti e bassi, il presidente Vigorito non gli ha perdonato le due sconfitte consecutive nelle ultime partite, che lasciano le Streghe a 7 punti. A sostituirlo il campione del Mondo Fabio Cannavaro, che da allenare (ha preso il patentino nel 2012) ha avuto varie esperienze all’estero (compresa quella, durata ben poco, con la Nazionale cinese).

Qui Como

Nonostante la potenza economica dei fratelli Hartono – Robert Budi e Michael Bambang, indonesiani, proprietari del colosso Djarum, il Como si trova al penultimo posto in classifica. Questo – insieme ai problemi di salute di Longo – hanno convinto la società ad operare il cambio tecnico, chiamando in panchina Moreno Longo, dopo aver atteso il possibile contatto con D’Angelo.

Qui Pisa

D’Angelo ha infatti scelto di ripartire da dove aveva lasciato tre mesi fa. Da quella finale playoff che il suo Pisa ha perso di un soffio contro il Monza di Berlusconi. Ancora sotto contratto fino al prossimo giugno, D’Angelo ritrova il Pisa all’ultimo posto in classifica, con 2 soli punti.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!