Ospedale di Terni, prosegue la ristrutturazione da 50 milioni di euro - Tuttoggi

Ospedale di Terni, prosegue la ristrutturazione da 50 milioni di euro

Luca Biribanti

Ospedale di Terni, prosegue la ristrutturazione da 50 milioni di euro

Le ultime novità dall'azienda ospedaliera ternana
Mer, 03/08/2016 - 14:01

Condividi su:


Sono stati impiegati circa 16 milioni di euro dei 50 a disposizione, finanziati con fondo regionale a partire dal 2013, per la ristrutturazione dell’ospedale “Santa Maria” di Terni. Questa mattina, nella sala riunioni della direzione, il direttore generale Maurizio Dal Maso, il direttore sanitario, Stefano Fratini e il direttore amministrativo, Riccardo Brugnetta, hanno presentato le ultime novità e i progetti futuri che interessano l’azienda ospedaliera.
Viabilità, liste d’attesa, digitalizzazione, letti in corsia, servizi ai pazienti, nuove apparecchiature all’avanguardia sono stati i temi toccati durante la presentazione del ‘nuovo’ ospedale ternano.

Tutti i lavori strutturali e di razionalizzazione sono volti a un’ottimizzazione dell’utilizzo delle risorse e, come sottolineato da Maurizio Dal Maso, gli obiettivi sono chiari: “Informatizzazione dell’ospedale, abbattimento del fenomeno dei letti in corsia, riduzione dei tempi delle liste di attesa al Pronto Soccorso e degli interventi chirurgici e della specialistica ambulatoriale. Aumento della qualità delle prestazioni e dell’accoglienza”.

Proprio su questo ultimo punto, il direttore è stato chiaro: “Presto dovremo mettere mano all’area accoglienza all’ingresso dell’ospedale perché ha un grande impatto emotivo nei pazienti e nei famigliari”.

Dal Maso ha poi annunciato che a settembre entreranno a regime il nuovo acceleratore lineare, attualmente in fase di collaudo, e il nuovo reparto di riabilitazione intensiva neurologica, per il quale sono in fase conclusiva le procedure di assunzione e formazione del personale dedicato, che completerà il percorso intraospedaliero dei pazienti affetti da esiti di gravi cerebrolesioni.

In fase conclusiva anche i lavori di ristrutturazione e ampliamento della Nefrologia e Dialisi, che si prevede saranno completati a settembre, mese in cui inizieranno anche i lavori per il trasferimento dei servizi di Diagnostica per Immagini e Radiologia, che entro la fine del 2017 si sposteranno al piano -2, semplificando ad utenti e operatori i percorsi all’interno dell’ospedale.

“Inoltre – ha spiegato il direttore amministrativo Brugnetta illustrando in dettaglio i lavori – sono in corso le procedure di gara per l’affidamento della progettazione esecutiva relativa al potenziamento e completamento dell’impianto di climatizzazione degli edifici dell’ospedale, al trasferimento degli ambulatori di Endoscopia Digestiva al primo piano, che faranno recuperare spazio al Pronto Soccorso, consentendo di migliorare l’accoglienza e i tempi d’attesa dei pazienti e all’ampliamento del reparto di Oncologia”.

“Infine – conclude Brugnetta – sono previsti interventi di manutenzione straordinaria per oltre 1,5 milioni di euro che riguardano ascensori e montacarichi, il rifacimento del manto stradale della viabilità interna e del parcheggio presso l’obitorio, e in particolare la pavimentazione dei corridoi del corpo centrale e le opere impiantistiche per il trasferimento di medicina legale presso la facoltà di Medicine e Chirurgia, che saranno realizzate da settembre-ottobre di quest’anno”.

“Sul fronte organizzativo – ha sottolineato il direttore sanitario Fratinistiamo riorganizzando tutto il percorso chirugico ed è già stato approvato dal collegio di direzione il nuovo regolamento di accesso e utilizzo delle sale operatorie al fine di ottenere un migliore utilizzo delle 14 sale e una più efficiente attività chirurgica con aumento delle sedute operatorie, con le stesse ore a disposizione e contestuale riduzione delle liste di attesa per interventi chirurgici. È già stato avviato il processo di informatizzazione di tutti i reparti per la messa a regime della cartella informatizzata del pazienta, una cartella digitale che si alimenti in tempo reale di tutti i dati diagnostico- terapeutici, informatizzando la somministrazione della terapia e, più in generale la gestione dell’intero percorso clinico”.

Si è provveduto anche all’acquisto di 50 nuovi apparecchi elletrocardiografici che permettono la refertazione a distanza degli elettrocardiogrammi con relativa archiviazione, da parte del servizio di cardiologia, un’innovazione tecnologica orientata verso il ‘filehsaring’ tra reparti.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!