Ospedale di Foligno: al via il "Covid Hospital" misto. Interventi a Spoleto

Ospedale di Foligno: al via il “Covid Hospital” misto. Interventi a Spoleto

Redazione

Ospedale di Foligno: al via il “Covid Hospital” misto. Interventi a Spoleto

Ecco la riorganizzazione del nosocomio folignate per gestire l'emergenza
Mer, 25/03/2020 - 15:09

Condividi su:


Ospedale di Foligno: al via il “Covid Hospital” misto. Interventi a Spoleto

Si entra nella fase 2. L’ospedale “San Giovanni Battista” di Foligno, che sta già fornendo risposte significative nella gestione dell’emergenza sanitaria, è pronto a rimodulare e potenziare ulteriormente i servizi impegnati in prima linea per sconfiggere il nemico invisibile e garantire cure e risposte adeguate agli assistiti. 

Per rendere immediatamente operativo quanto previsto dall’ordinanza n. 9 del 23 marzo firmata della presidente della Regione Umbria Donatella Tesei che inserisce la struttura ospedaliera di Foligno nella rete Covid-19 con un piano complessivo di potenziamento dei posti letto di terapia intensiva, la Usl Umbria 2 ha tenuto ieri una riunione tra la direzione sanitaria aziendale, la direzione medica del presidio ospedaliero e i responsabili dei dipartimenti e strutture complesse coinvolte nella riorganizzazione del “San Giovanni Battista”.

Nel corso dell’incontro il direttore sanitario dell’Azienda Usl Umbria 2 Camillo Giammartino ha posto la necessità di attuare le indicazioni regionali in tempi rapidissimi. Il piano regionale prevede che Foligno diventi un ospedale misto Covid e non Covid per supportare la rete di intervento umbra in questa condizione di emergenza sanitaria. 

Luca Sapori, direttore sanitario dell’ospedale di Foligno, ha garantito tutto il supporto necessario sottolineando l’importanza di procedere bene e rapidamente. Il direttore sanitario aziendale farà tutto il necessario per acquisire nuovi apparati, personale ed effettuare le modifiche strutturali che saranno richieste. L’ospedale di Foligno, per spazi, dotazione tecnologica e professionalità, è perfettamente in grado di affrontare questa sfida.

La conferma arriva dai direttori dei dipartimenti e delle strutture complesse. Il responsabile della Medicina Interna Lucio Patoia ha sottolineato come sia già attiva, per i casi da diagnosticare, in una parte isolata ed in sicurezza della medicina, una specifica sezione collegata direttamente al pronto soccorso e quindi sarà agevole trasformare questo spazio in area Covid. 

Anche Giuseppe Calabrò, responsabile del 118, Pronto Soccorso e della Medicina d’Urgenza, ha evidenziato come l’organizzazione di filtro e di primo intervento nei casi Covid sia ben rodata per cui non ci saranno, anche in questo caso, particolari problemi se il flusso di pazienti si manterrà costante. 

Le strutture di Pneumologia, Anestesia, Terapia Intensiva e Rianimazione avranno anch’esse un ruolo chiave nella gestione dell’emergenza sanitaria con lo staff del responsabile della Pneumologia Francesco Merante fortemente impegnato a collaborare al progetto considerata l’importanza delle patologia polmonare associata all’infezione virale e con la responsabile di Anestesia e Rianimazione Liliana Lentischio che ha raccolto la piena disponibilità della direzione aziendale e ospedaliera ad acquisire ulteriori apparati, prevedere alcuni adattamenti strutturali e implementare la dotazione organica per garantire l’attività in due rianimazioni distinte Covid e non Covid. Gli anestesisti Alvaro Chianella e Giammichele Nicoletta, in questo senso, collaboreranno all’implementazione pratica del progetto.  

La riorganizzazione e la rimodulazione dei servizi ospedalieri investe anche la chirurgia che dovrà limitare alle urgenze gli interventi presso l’ospedale di Foligno e spostare l’attività chirurgica non differibile presso l’ospedale “S. Matteo degli Infermi” di Spoleto, come proposto dal responsabile del dipartimento di Chirurgia Luigi Mearini. 

Il direttore del dipartimento di Riabilitazione Mauro Zampolini ha affermato che la neurologia, la Stroke Unit e la Neuroriabilitazione assicureranno l’attività usuale per i casi urgenti vista l’importanza di garantire la continuità di cura anche delle condizioni patologiche non Covid. 

Tutti i partecipanti hanno sottolineato l’importanza della sicurezza dei pazienti e degli operatori convenendo di mettere in atto tutti gli sforzi per questi obiettivi. In tal senso il direttore sanitario dell’Azienda Usl Umbria 2 ha garantito il massimo impegno per acquisire il numero necessario di dispositivi di protezione.

All’ospedale di Foligno, già preparato ad affrontare l’emergenza Covid fin dalla scorsa settimana, viene ora richiesto un ulteriore sforzo. Professionisti e strutture sono pronti ed hanno garantito una forte collaborazione per assicurare diagnosi e trattamento adeguati alle persona affette dall’infezione virale. 

L’Azienda Usl Umbria 2 coglie l’occasione per invitare la popolazione a stare in casa e seguire con rigore e massima attenzione le misure e le indicazioni per il contenimento della diffusione del virus. Si raccomanda quindi di stare in casa, di non muoversi e in caso di necessità contattare telefonicamente il proprio medico di medicina generale, i medici del servizio di continuità assistenziale o il numero verde regionale 800.63.63.63. Tutte le informazioni sono disponibili nmel sito web istituzionale dell’Azienda Usl Umbria 2: www.uslumbria2.it