Nuovo tipo di leucemia acuta identificato da ricercatori dell'Università di Perugia - Tuttoggi

Nuovo tipo di leucemia acuta identificato da ricercatori dell’Università di Perugia

Flavia Pagliochini

Nuovo tipo di leucemia acuta identificato da ricercatori dell’Università di Perugia

Gio, 13/05/2021 - 11:29

Condividi su:


Il lavoro del team di ricerca coordinato dalla professoressa Cristina Mecucci: "Fondamentale credere nei giovani ricercatori"

Un nuovo tipo di leucemia acuta è stata identificata dal gruppo di ricerca medico-scientifica coordinato dalla professoressa Cristina Mecucci, ordinario di malattie del sangue del Dipartimento di Medicina e chirurgia dell’Università degli Studi di Perugia, grazie ad un progetto di ricerca sviluppato presso i laboratori del Centro di ricerca emato-oncologico. La scoperta del nuovo tipo di leucemia acuta, denominata BCL11B-a, ad indicare l’attivazione del gene BCL11B, grazie ad un progetto di ricerca sviluppato presso i laboratori del Centro di ricerca emato-oncologico (CREO), è stata pubblicata anche su Blood, prestigiosa rivista scientifica di riferimento della ricerca in ambito ematologico.

Un risultato di particolare soddisfazione – spiega la professoressa, intervistata da Umbria TV – perché è partito da qualcosa di molto raro, per cui abbiamo poi a poco a poco ricostruito la vicenda e capito che dal molto raro c’era una malattia che ha un significato, un significato diagnostico. E fare una corretta diagnosi è fondamentale per concepire la corretta terapia. Questo risultato ci permette di fare una nuova, corretta diagnosi“.

L’identificazione di questa nuova malattia leucemica è stata resa possibile grazie all’impiego integrato di numerose tecnologie di indagine del genoma: “Per riuscire a capire a fondo sono necessarie molte tecnologie, alcune delle quali non erano a disposizione, perlomeno nella nostra realtà, quando abbiamo ipotizzato il significato di questa malattia. Abbiamo dovuto lavorare molto per mettere a punto nuove metodiche e tecnologie“. Anche per la diagnosi di questa nuova leucemia è stato creato un test diagnostico validato sulla base di casi studio provenienti da molti centri Italiani e Europei.

Questo nuovo successo contribuisce a perfezionare il potenziale diagnostico e terapeutico a disposizione dei pazienti ematologici e, per la professoressa Mecucci, è fondamentale investire in ricerca e credere nei giovani ricercatori. “La ricerca è fatta di denaro e di persone. Abbiamo le persone, servono investimenti. Il grande cruccio è infatti vedere lo sviluppo di menti e ricercatori, di grandi potenziali, che poi non possono essere trattenuti. Sono particolarmente orgogliosa per questo successo per il quale è stata molto importante la passione e la competenza di Danika Di Giacomo, una giovane ricercatrice della nostra Università”. E per Di Giacomo, “con questa scoperta sarà possibile individuare target terapeutici e quindi nuove terapie per questo tipo di malattia rara“.

Infine, tra i progetti vincitori del bando Roche, uno studio presentato dall’Università degli Studi di Perugia con un progetto sullo sviluppo di soluzioni per la diagnosi di precisione delle leucemie acute linfoblastiche a cellule T. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio di AIOM, mentre la valutazione delle candidature è stata affidata a Fondazione GIMBE. La medicina di precisione sta rivoluzionando la cura delle patologie oncologiche, che in Umbria interessano circa 7.000 pazienti ogni anno.

Nella foto da sinistra: Valentina Pierini, Martina Moretti, Paolo Gorello, Silvia Arniani, Cristina Mecucci, Danika Di Giacomo, Roberta La Starza, Caterina Matteucci, Fabrizia Pellanera 

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!