Nuova viabilità tra via Volumnia, strada dei Loggi e via Adriatica

Nuova viabilità tra via Volumnia, strada dei Loggi e via Adriatica

L’apertura a Ponte San Giovanni mercoledì 23 agosto


share

Da mercoledì prossimo, 23 agosto, sarà aperta la nuova viabilità tra via Volumnia, strada dei Loggi e via Adriatica a Ponte San Giovanni, attraverso il sottopasso ferroviario.

L’apertura sarà accompagnata da importanti modifiche alla circolazione del quartiere, in attuazione dei piani approvati già nel 2008 per le aree ex Margaritelli ed ex De Megni, per incanalare lungo la nuova infrastruttura i traffici da e per Perugia, alleggerendo così i flussi interni al centro abitato.

La nuova viabilità, infatti, sarà percorribile a senso unico con due corsie di marcia, dal sottopasso ferroviario fino all’incrocio con via Adriatica, nei pressi della rotatoria dello svincolo sul Raccordo; verrà, inoltre, istituito il senso unico anche in via Adriatica a partire dall’intersezione con la nuova viabilità e fino all’incrocio con via della Scuola. Con questo schema si creerà una circolazione a rotatoria tra la nuova viabilità ed il primo tratto di via Adriatica, che permetterà di avere una circolazione fluida, su due corsie, analogamente a quanto oggi avviene -sempre a Ponte San Giovanni- nell’anello di via Bixio-via Manzoni.

I lavori, che sono terminati nei giorni scorsi, sono stati realizzati in due lotti: il primo, conclusosi nel settembre 2015, ha visto la realizzazione della rotatoria tra via Assisana e strada dei Loggi, la predisposizione del sottopasso ferroviario, e la realizzazione di marciapiedi lungo via dei Loggi. Con il secondo lotto, invece, è stata realizzata la viabilità tra il sottopasso ferroviario e via Adriatica. L’intervento consentirà anche in futuro la chiusura dei due passaggi a livello ex-FCU di via Volumnia a Ponte San Giovanni e in strada Tiberina sud a Balanzano.

Sarà, quindi, completato, nel periodo tra il 23 agosto ed il 10 settembre, con l’eliminazione della mini rotatoria tra via della Scuola e via Adriatica e la sua sostituzione con isole spartitraffico.

share

Commenti

Stampa