Non studiano nè lavorano, per i giovani Neet arriva “Orientarsi a partire da sé” - Tuttoggi

Non studiano nè lavorano, per i giovani Neet arriva “Orientarsi a partire da sé”

Redazione

Non studiano nè lavorano, per i giovani Neet arriva “Orientarsi a partire da sé”

Mer, 08/09/2021 - 12:01

Condividi su:


E’ partito ufficialmente “Orientarsi a partire da sé”, progetto dedicato a contrastare il fenomeno crescente dei Neet – ragazzi né occupati né impegnati in corsi di istruzione o formazione – che in Umbria (dati Eurostat 2020) interessa circa 20 giovani su 100.

Proprio ieri (7 settembre), infatti, la convenzione che dà il via all’iniziativa è stata siglata dalla Presidente della Fondazione Cristina Colaiacovo, dal Vescovo di Assisi -Nocera Umbra – Gualdo Tadino S.E. Monsignor Domenico Sorrentino, dal Vescovo di Gubbio S.E. Monsignor Luciano Paolucci Bedini e dal Direttore dell’Arpal Luigi Rossetti. Presente anche l’Assessore allo Sviluppo economico della Regione Umbria Michele Fioroni.

“Orientarsi a partire da sé” è rivolto a giovani maggiorenni con meno di 35 anni che non studiano, non lavorano e non seguono un percorso professionale, ed in particolare che non usufruiscono di alcun programma di politica attiva della Regione Umbria, residenti nei comuni delle Diocesi di Assisi e Gubbio. Il progetto coinvolge dunque i Comuni di Assisi, Gubbio, Umbertide, Scheggia e Pascelupo, Costacciaro, Gualdo Tadino, Nocera Umbra, Fossato di Vico, Sigillo, Valfabbrica, Bastia Umbra, Cannara e Bettona.

Saranno proprio le due Diocesi, anche con l’ausilio di un’equipe di professionisti, a procedere con l’individuazione dei potenziali partecipanti, che avranno l’opportunità di frequentare un corso motivazionale e di orientamento funzionale ad acquisire consapevolezza delle proprie capacità e risorse. Sulla base di quanto emerso da questo primo approccio, si procederà con la selezione dei partecipanti e, tenendo conto delle inclinazioni individuali, con l’attribuzione di uno dei tre seguenti percorsi di inserimento: formazione professionale, tirocini, autoimprenditorialità.

L’Arpal supporterà l’iniziativa favorendo l’incontro tra i soggetti individuati da avviare alle politiche attive di formazione professionale o tirocini presso enti privati – anche no profit – e pubblici e metterà a disposizione fino ad eventuali 50 voucher formativi per la frequenza di corsi mirati. Per informazioni: info@fondazionecrpg.com oppure info@pec.fondazionecrpg.com

L’iniziativa che presentiamo – ha detto Cristina Colaiacovoè il risultato di una approfondita fase di ascolto, in particolare dall’esigenza espressa dalle Diocesi di Gubbio e Assisi, che attraverso un lungo lavoro di affinamento e perfezionamento ci ha permesso di costituire un solido partenariato”.Questo progetto che nasce dalla sinergia tra soggetti differenti – ha aggiunto Paolucci Bediniè un segno di fiducia e speranza sul fronte della promozione del lavoro per i giovani“. Il vescovo Sorrentino – che ha ricordato come in Umbria i Neet siano circa 35 mila, con un incremento del 25% nella fascia d’età 15-25 anni – ha infine sottolineato, “a maggior ragione, la notevole importanza di questa iniziativa”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!