Nodo, da Confindustria plauso all'accordo bipartisan

Nodo, da Confindustria plauso all’accordo bipartisan

Massimo Sbardella

Nodo, da Confindustria plauso all’accordo bipartisan

Mer, 29/06/2022 - 17:01

Condividi su:


Dopo il voto in Consiglio di "passo in avanti" parla anche il Comitato di Ponte San Giovanni, che rivendica la caduta di molti pregiudizi

Confindustria Umbria plaude al voto bipartisan con cui il Consiglio comunale, nell’ultima seduta, ha dato il via libera praticamente all’unanimità (con solo 3 astensioni) al cosiddetto “Nodino+”, la variante stradale da Collestrada a Madonna del Piano, da collegare all’area dell’ospedale. Nell’ordine del giorno votato da maggioranza e opposizione si chiede congiuntamente di lavorare per il completamento del Nodo fino a Corciano e nel frattempo di ampliare a Ponte San Giovanni le rampe di collegamento della E45 al Raccordo, senza però eliminare l’uscita di via Adriatica.


In Consiglio il “sì” bipartisan al “Nodino+”,
in piazza la delusione del fronte del “no”


Un voto per il quale gli industriali, che da anni chiedono la realizzazione della variante, esprimono apprezzamento. “Si tratta di un’opera – ribadisce Maurizio Mariotti, consigliere delegato alle infrastrutture di Confindustria Umbria – di cui la nostra Associazione sostiene la necessità da molti anni e che siamo certi servirà ad alleggerire il traffico in una delle zone più congestionate della regione. La decisione del Consiglio comunale rappresenta, quindi, un importante passo in avanti verso la concretizzazione di un’infrastruttura utile alla competitività del sistema produttivo del territorio e a superare la criticità del tratto di strada tra Collestrada e la rampa del Raccordo Perugia-Bettolle”.

Gli industriali confidano nella realizzazione dell’intera bretella, che dovrebbe rappresentare un’alternativa all’attuale tratto perugino del Raccordo con le gallerie.“Oggi siamo più fiduciosi della possibilità che quest’opera possa essere finalmente realizzata e in tempi congrui – aggiunge Mariotti – e speriamo che possa essere realizzato il progetto del Nodo nella sua interezza. Così come siamo convinti che nella realizzazione di quest’opera e in generale delle infrastrutture di cui la regione ha grande bisogno, si possano contemperare gli interessi della comunità con quelli della salvaguardia ambientale”.

Un plauso, quello degli industriali, che fa storcere ancora di più la bocca ad alcuni tra gli oppositori al Nodo-Nodino, che in piazza durante il Consiglio, hanno manifestato contro l’ordine del giorno votato, stigmatizzando quello che ritengono essere un voltafaccia da parte di alcuni esponenti politici.

Il Comitato “Chi salverà Ponte San Giovanni?”

Il Comitato “Chi salverà Ponte San Giovanni?”, favorevole all’opera, sottolinea invece il tempo perso in tutti questi anni nel risolvere il problema del traffico locale e nazionale che si concentra tra Collestrada e Ponte San Giovanni. Rivendicando con orgoglio il merito di aver contribuito a veicolare informazioni e dati reali che hanno poi fatto cadere, anche tra i politici, una “corazza di giudizi precostituiti”. Dando voce alle istanze di “una larga maggioranza di opinione pubblica”, evidentemente esasperata dagli ingorghi stradali.

Per questo il Comitato saluta con soddisfazione il voto in Consiglio che giudica un “passo in avanti”. Per un’opera “utile, ma non risolutiva”, mettendo però in moto un processo che “coi tempi necessari per opere di queste dimensioni”, libererà, evidenzia il Comitato libererà le strade attuali dall’eccesso di veicoli, renderà più rapidi e sicuri i collegamenti, e darà ossigeno all’economia umbra e “ai polmoni” di chi abita a Ponte San Giovanni.


Ferrovie, ministro e Regione al lavoro
per la nuova stazione di Collestrada


"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!