In Consiglio "sì" bipartisan al "Nodino+", in piazza il fronte del "no"

In Consiglio “sì” bipartisan al “Nodino+”, in piazza il fronte del “no”

Massimo Sbardella

In Consiglio “sì” bipartisan al “Nodino+”, in piazza il fronte del “no”

Lun, 27/06/2022 - 21:32

Condividi su:


Convergenza di centrosinistra e centrodestra: servono la bretella (con collegamento con l'ospedale e prospettive fino a Corciano) e la doppia rampa senza tagliare l'uscita

Tutto come da copione, dentro e fuori da Palazzo dei Priori, nel pomeriggio del Nodino, la bretella stradale da Collestrada a Madonna del Piano (con collegamento aggiuntivo fino all’ospedale), primo tratto del progetto fino a Corciano.

In Consiglio “sì” bipartisan all’ordine del giorno per accelerare l’iter di un intervento che dovrebbe alleviare i mali della viabilità. In piazza, la protesta di comitati e associazioni che rappresentano il fronte del “no” ad un’opera ritenuta inutile e impattante dal punto di vista ambientale.

Il voto in Consiglio

Alla fine dell’ordine del giorno presentato dalla maggioranza e integrato dagli emendamenti dei gruppi Pd e Giubilei (“Nodo di Perugia opera strategiche di interesse nazionale – Interventi sulle rampe dello svincolo di Ponte San Giovanni verso raccordo Perugia-Bettolle e in direzione opposta verso Foligno”) ha ottenuto 21 voti a favore, con 3 astenuti. Un documento nel quale viene fatta la cronistoria del progetto, dai primi anni Duemila in poi. E le valutazioni che portano a scartare le alternative progettuali legate ad altre varianti esterne o all’ampliamento dell’attuale sede della E45.

Le rampe di Ponte San Giovanni

Come intervento aggiuntivo, la Regione ha chiesto ad Anas di progettare il raddoppio a Ponte San Giovanni delle rampe di collegamento tra la E45 e il Raccordo. Un intervento del costo di circa 20 milioni di euro, somma già a disposizione di Anas per la manutenzione della E45 e realizzabile in 3 anni. Un intervento ritenuto utile a eliminare il collo di bottiglia in entrata e in uscita da Perugia, purché non comporti l’eliminazione dell’uscita di Ponte San Giovanni da via Adriatica. L’altro aspetto fondamentale, su cui batte in particolare il Pd, è la realizzazione del collegamento tra il Nodino e l’area dell’ospedale. Gli interventi sulle rampe e il Nodino sono considerati “uniti e non separabili”.

L’ordine del giorno bipartisan

Da qui il voto che impegna la Giunta:

  • ad attivarsi affinché, nelle conferenze di servizi che si terranno per l’approvazione di entrambi i progetti, il Comune di Perugia si faccia parte diligente per accelerare l’iter progettuale affinché tutti i temi sollevati vengano adeguatamente trattati e risolti;
  • a richiedere ad ANAS impegni per una rapida progettazione del secondo stralcio del Nodo di Perugia (tratta Madonna del Piano – Strada Pievaiola – Ospedale Santa Maria della Misericordia), mediante un’infrastruttura a due corsie tipo C2;
  • a richiedere, sempre ad Anas, una revisione progettuale dell’intervento sul nodo di Ponte San Giovanni, teso a garantire il mantenimento dello svincolo di Via Adriatica;
  • a richiedere ad ANAS di aggiornare costantemente l’Amministrazione Comunale di Perugia sull’iter progettuale e realizzativo individuato, anche sulla base dell’analisi tecnica e delle valutazioni delle richieste del territorio.

Fabrizio Croce (IPP) ha motivato la propria astensione con il “disorientamento” provato dai perugini su questo tema, tra tante proposte e controproposte, in un dibattito che ha finito per nascondere altri problemi. La capogruppo del Movimento 5 stelle, Francesca Tizi, ha invece invitato a tener conto delle criticità emerse nel Consiglio Grande ed ha espresso dubbi circa il mancato finanziamento nel Def.

Nessuno, però, ha votato contro l’ordine del giorno. E questo è un altro segnale di come il clima, intorno al Nodo/Nodino, sia cambiato. Lo sanno i rappresentanti di associazioni e comitati che si oppongono all’opera, che in piazza, con slogan e manifesti, hanno ribadito le ragioni della loro contrarietà. Accogliendo con un ironico applauso i consiglieri alla loro uscita da Palazzo dei Priori.

(foto e immagini Tommaso Benedetti)

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!