Nel "Giorno del ricordo" ad Assisi consegnato il Premio Dignità a Simone Cristicchi - Tuttoggi

Nel “Giorno del ricordo” ad Assisi consegnato il Premio Dignità a Simone Cristicchi

Redazione

Nel “Giorno del ricordo” ad Assisi consegnato il Premio Dignità a Simone Cristicchi

Presso la Sala della Conciliazione si è celebrata la solennità civile per ricordare la tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe | Protagonista il cantante Cristicchi
Mar, 18/02/2020 - 17:23

Condividi su:


Nel “Giorno del ricordo” ad Assisi consegnato il Premio Dignità a Simone Cristicchi

In una Sala della Conciliazione affollatissima di studenti si è celebrato il Giorno del Ricordo, solennità civile per ricordare la tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe e dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra.

Protagonista della cerimonia il poliedrico artista Simone Cristicchi, a cui è stato consegnato il “Premio Dignità Giuliano-Dalmata nel mondo”, che ha raccontato aneddoti della sua vita, ha stimolato i ragazzi con le sue riflessioni sulle cause di “obbrobri che hanno strappato la dignità e l’identità”.

A proposito del popolo giuliano-dalmata, Cristicchi ha elogiato “il grande amore degli esuli per le proprie radici” e ha invitato “a non scontrarsi mai sulla memoria”, non è mancato un accenno al perdono per i torti che si sono subiti: “Il vero risarcimento per gli esuli è che si conosca, si riconosca e si rispetta la loro storia”.

Prima delle parole di Cristicchi si è svolto un momento di riflessione con gli interventi del sindaco Stefania Proietti, Giovanni Stelli (Società di Studi Fiumani), Franco Papetti (Associazione Fiumani Italiani nel Mondo) e Paolo Anelli (Studioso dell’Esodo Giuliano-Dalmata).

Questa la motivazione del Premio assegnato all’artista: “per aver saputo con alta qualità artistica e comunicativa ricordare e spiegare alle nuove generazioni il dramma del popolo istriano fiumano dalmata che ha fondato la propria battaglia contro l’inclemenza della storia sulla fedeltà alle origini, sullo spirito di sacrificio e sulla forza di emergere dalla sofferenza per l’ingiustizia subita”.

Nel pomeriggio, alle 16, è stata deposta una corona nell’area verde di via Martiri delle Foibe.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!