Morte Maria Chiara Previtali, mix letale di droga e alcol - Tuttoggi

Morte Maria Chiara Previtali, mix letale di droga e alcol

Luca Biribanti

Morte Maria Chiara Previtali, mix letale di droga e alcol

Gio, 18/03/2021 - 10:58

Condividi su:


La morte è avvenuta per “un’insufficienza cardio circolatoria acuta determinata dall’assunzione di numerose sostanze ad azione tossica"

Maria Chiara Previtali è morta per un mix letale di droga e alcol; è quanto emerso dalla relazione del dottor Massimo Lancia sulle cause della ragazza trovata priva di vita il 10 ottobre 2020, nel giorno del suo diciottesimo compleanno, in un’abitazione di via delle Rimembranze di Amelia.

Mix di droghe letale

Come riportato dal quotidiano “Il Messaggero” la morte è avvenuta per “un’insufficienza cardio circolatoria acuta determinata dall’assunzione, nelle ultime 12-18 ore di vita della ragazza, di numerose sostanze ad azione tossica quali eroina, cocaina, alcol etilico, Thc”.

Arresto cardio-circolatorio

Secondo la relazione del medico legale, sempre riportata da “Il Messaggero”, la morte è stata causata da “una intossicazione acuta da eroina e cocaina in un soggetto in terapia con sertralina e con recente assunzione di alcol etilico e preparati a base di cannabis sativa”. E ancora è stato dimostrato che “Al momento della morte di Maria Chiara Previtali, la morfina si trovasse in fase di eliminazione e quindi che l’assunzione di eroina fosse avvenuta diverse ore prima della morte. La successiva assunzione di alcol etilico e di cocaina (anche se non in quantità molto elevate) ha interagito con la morfina, determinando verosimilmente l’insufficienza cardio-circolatoria mortale, che si verificava durante il sonno”.

Indagato il fidanzato

Un quadro drammatico quello restituito dalla perizia del medico legale sul corpo della giovane vittima che, quel maledetto 10 ottobre, si trovava in compagnia del fidanzato Francesco Gnucci, il 21enne con il quale Maria Chiara si era recata a Roma e che si era procurato le dosi di droga necessarie per ‘lo sballo’. Il giovane è indagato per ‘omicidio preterintenzionale’, mentre le indagini degli inquirenti continuano su Roma per cercare di risalire ai responsabili che hanno ceduto la sostanza stupefacente ai due giovani.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!