La Sir non muore mai: è finale!

La Sir non muore mai: è finale!

All’inferno e ritorno: Modena piegata al tiebreak | Decisivo il servizio dei Block Devils


share

 

La partita era iniziata in perfetta parità, con le due squadre che ad inizio del primo set rispondono colpo su colpo. Ma a metà del set Modena scappa e Perugia non riesce a recuperare: concentratissima la difesa ospite, favorita anche da una certa prevedibilità della Sir in attacco. Leon è irriconoscibile; dall’altra parte Zaytsev, Christenson e Holt sono scatenati.

A rompere l’equilibrio nel primo set è un muro su Leon; un errore in battuta del cubano naturalizzato polacco chiude il set 19-25.

Nella seconda frazione ci si aspetta la reazione dei campioni d’Italia e invece è ancora Modena che continua a martellare, guidata da Holt. Perugia invece continua ad avere poche alternative in attacco, favorendo la difesa dei gialloblu. La Sir si riporta sotto sul 6-7, ma gli ospiti scappano ancora.

L’ace di Zaytsev sul 12-7 per i canarini fa male, anche nella testa dei Block Devils. Podrascanin è l’unica vera alternativa in attacco per Perugia, che continua a fare molta fatica. La squadra di Velasco sembra davvero trasformata rispetto a quella della stagione regolare. Perugia non riesce però ad avvicinarsi. Anche perché i suoi bombardieri, costretti a forzare la battuta, sono molto imprecisi. Magnum fa vibrare il PalaBarton con la giocata del 14-17, ma un suo errore in battuta riporta Modena a +4.

Alzano i loro cori i tifosi modenesi; i Sirmaniaci provano a scuotere i Block Devils. Un altro ace di Zaytsev è ancora una mazzata per Perugia ed i suoi tifosi. Finalmente arriva però anche il primo ace di Leon (17-20). Lanza viene murato da Christenson: Perugia non riesce proprio a dare continuità al suo attacco. E subito dopo arriva l’ace di Bednorz. Un ace di Hoag suona la carica per Perugia e Velasco chiama il timeout. Ma il canadese trova altri due ace: 22-23, il PalaBarton crede nella rimonta! E la Sir trova il pari sull’attacco sbagliato di Modena: 23 pari.

Velasco chiama un altro timeout. Modena torna avanti, ma Atanasijevic annulla due set point per gli ospiti. Podrascanin mura Zaytsev e Perugia si porta in vantaggio. Il PalaBarton è una bolgia. E Atanasijevic chiude il set (27-25) dopo una strepitosa rimonta: 1-1. Bernardi ha azzeccato i cambi, con Hoag decisivo. Modena ha perso per un infortunio un ottimo Berdnorz.

Modena sembra aver accusato il colpo. La Sir apre il terzo set con Podrascanin in battuta e conquista subito tre punti, guidata da un super Ricci. Quando Leon piazza il diagonale del 4-1 i Sirmaniaci sperano che il cubano abbia finalmente scaldato il suo braccio micidiale. Ancora un ace di Zaytsev, ma Leon risponde alla grande. Ma è Ricci l’uomo in più per la Sir in questa fase.

Chi sembra avere continuità è Atanasijevic, che riporta Perugia a +3. Ma Tillie accorcia a -1: Modena non molla. Sull’attacco di Atanasijevic il video check assegna il punto del pari per Modena (10-10). Peccato, perché Perugia ha sciupato il vantaggio in avvio. Modena ritrova coraggio e passa in vantaggio.

Le squadre ora rispondono colpo su colpo. Il primo tempo di Ricci vale il 13-13. L’impressione è che solo un calo di tensione possa alterare l’equilibrio del set. La tensione al PalaBarton è altissima. Modena in questa fase è molto fallosa dai 9 metri. Il sorpasso della Sir è firmato da Leon. Che poi mura Zaytsev. Il giocatore spoletino è a terra ed il PalaBarton applaude quando si rialza. Ma poi esplode in un boato quando sbaglia la battuta.

Entra Hoag e Perugia trova il break. Ma Modena trova il pari con Tillie (21-21). Una trattenuta fischiata a Lanza vale il punto del sorpasso per gli ospiti. Atanasijevic si prende il giallo, ma poi mette a segno il punto del pari. Tillie e poi un ace di Christenson concedono due setball a Modena. E Barnardi chiama il timout. Perugia vede sfuggire dalle proprie mani un set a lungo dominato. Leon annulla il primo setpoint. Ora è Velasco a chiamare il timeout quando prima del turno di battuta di Lanza. Ma il primo tempo di Christenson chiude il set per Modena. Peccato, quella chiamata su Lanza ha tolto concentrazione ai Block Devils in un momento decisivo del set.

Il quarto set si apre con l’errore di Podrascanin in battuta. Ricci riporta le squadre in parità. Il muro sull’attacco di Lanza rompe l’equilibrio iniziale. Con Modena che prende il largo con l’ace di Holt. Modena prende di mira Leon e sul 7-3 Bernardi chiama il timeout. Perugia prova a rientrare in partita, Atanasijevic chiama il PalaBarton sul 6-9. Leon trova l’ace che vale il 9-11. Poi De Cecco, con astuzia, riporta Perugia a -1.

Questa volta è Velasco a chiamare il timeout. Ma Leon piazza un altro ace e la Sir conquista il pari. E il sorpasso è firmato da Atanasijevic, confermato dal video check. Esplode il PalaBarton! Ma questa volta Leon sbaglia. Il 13 pari arriva da un colpo di Holt dopo due incredibili difese di Modena. Il muro di Podrascanin riporta avanti la Sir.

Con l’attesa del video check arriva il doppio vantaggio di Perugia. Che poi allunga sino al 21-17 con Leon in battuta (132 km/h). Perugia alza il muro: si scalda il PalaBarton. Modena però non molla, con delle giocate in difesa incredibili. Ma è un recupero di strepitoso di Colaci a consentire ad Atanasijevic di mettere a terra il punto del 23-18. Il punto di Lanza dà alla Sir 5 setball. L’errore di De Cecco in battuta annulla il primo, ma Leon porta Perugia al tiebreak (25-20).

La serie tra la Sir Perugia e l’Azimut Modena si chiuderà all’ultimo respiro. Il giusto epilogo per due formazioni stupende. Il primo tempo di Mazzone porta avanti Modena, ma poi sbaglia la battuta. Atanasijevic porta avanti Perugia dopo due grandissime difese di Modena. Il servizio di Leon mette in difficoltà gli ospiti e Lanza può mettere a terra il pallone del 4-2. Quando Bata piazza il 5-2 Velasco chiama il timeout. Modena prova a rientrare, ma Atanasijevic interrompe il torno di battuta del temibile Holt. Una grandissima difesa di Colaci consente ad Atanasijevic di andare al cambio campo sull’8-4.

Il muro della Sir consente a Lanza di attaccare il punto del 9-4. Ed è ancora Pippo a tenere Modena a 5 punti di distanza. Leon piazza il punto dell’11-5: altro timeout per Velasco. Lanza in questo finale di partita è inarrestabile (12-6). Gli animi si scaldano sottorete quando Leon mette giù il punto del 13-7. L’ace di Atanasijevic dà a Perugia 7 matchball. Ma è Leon a portare la Sir in finale.

La Sir non muore mai: sotto con Civitanova per un’altra grande sfida!

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – AZIMUT LEO SHOES MODENA 2-2 (19-25, 27-25, 25-23, 25-20)

share

Commenti

Stampa