La Grande Guerra in Umbria / Una mostra a Palazzo Baldeschi di Perugia - Tuttoggi

La Grande Guerra in Umbria / Una mostra a Palazzo Baldeschi di Perugia

Redazione

La Grande Guerra in Umbria / Una mostra a Palazzo Baldeschi di Perugia

Il grande impegno al fronte dei giovani umbri / Fotografie originali e digitalizzazione al servizio della cultura
Mar, 24/02/2015 - 17:26

Condividi su:


La Grande guerra e la piccola Umbria, un rapporto ancora da approfondire a distanza di un secolo dall’entrata dell’Italia nel conflitto. Ci prova la mostra allestita dalla Fondazione Cassa di risparmio di Perugia nel palazzo Baldeschi, aperta oggi e visitabile fino al 2 giugno.
La mostra si articola in due percorsi paralleli, uno dedicato a ricostruire il grande scenario nazionale e internazionale della prima guerra mondiale, l’altro rivolto a esplorare le implicazioni che lo stato di guerra ebbe sulla popolazione umbra, molte delle quali poco note nonostante fossero tutt’altro che secondarie.
A partire dal fatto che, se il fronte di guerra era molto distante dal territorio umbro, il rapporto tra la popolazione e i chiamati al fronte fu, come mostrano i dati del ministero della Guerra, il più alto in assoluto, con l’impegno al fronte di 968 giovani ogni 1000 chiamati: in pratica l’intero contingente in età militare. Il nucleo centrale si fonda sulla mostra patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei ministri – Struttura di missione, allestita lo scorso giugno al Vittoriano. Il percorso si snoda attraverso diverse aree tematiche con l’esposizione di disegni, fotografie, giornali di trincea, abiti, manifesti, cartoline, diari, cimeli e materiali cinematografici e musicali. Ci sono i quadri dei “pittori di guerra” (molti spesso, i soli documenti di alcuni episodi e scenari bellici) e le immagini (all’epoca censurate perchè troppo realistiche) delle trincee, sonorizzate con musiche futuriste. Si ripercorre la propaganda di guerra, che in pratica nasce allora, e la vita quotidiana del paese, come il lavoro delle donne che mandavano avanti l’economia.
L’apporto della regione al conflitto viene ricostruito attraverso l’esposizione di documenti storici originali e l’ausilio di moderne tecnologie. Da un lato, dunque, gli eventi nazionali, attingendo a materiali conservati presso gli archivi dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano, dell’Istituto Centrale per il Catalogo Unico (il più grande archivio esistente sulla Grande guerra con ben 500mila fotografie ed 1 milione e mezzo di documenti) ma anche dell’Istituto Centrale dei Beni Sonori e Audiovisivi e dell’Istituto Luce – Cinecittà. Dall’altro l’approfondimento dello spaccato regionale che si basa su materiali forniti da istituzioni, associazioni, enti e diverse realtà dell’Umbria. Sono in mostra fotografie originali dei caduti umbri durante la Grande Guerra, con i cimiteri di guerra, la Brigata Perugia, le commemorazioni al Milite Ignoto. Grazie ad un impianto espositivo che punta alla digitalizzazione dei materiali si può interrogare un database per ricercare i caduti del proprio territorio ed è anche possibile consultare i fascicoli personali di ciascun combattente.
La mostra è curata da Marco Pizzo, vice direttore del Museo Centrale del Risorgimento, e da Massimo Pistacchi, direttore dell’Istituto Centrale per i beni sonori e audiovisivi. Questo pomeriggio l’inaugurazione ufficiale alla quale interverranno il presidente della Fondazione Cassa di risparmio di Perugia, Carlo Colaiacovo, ed il presidente della Fondazione Cariperugia Arte, Giuseppe Depretis. Parteciperà anche Franco Marini, presidente del comitato storico scientifico per gli anniversari di interesse nazionale istituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!