Grande uccesso per il Consiglio provinciale aperto sulla figura di Gian Carlo Menotti inventore del Festival dei Due Mondi - Tuttoggi

Grande uccesso per il Consiglio provinciale aperto sulla figura di Gian Carlo Menotti inventore del Festival dei Due Mondi

Redazione

Grande uccesso per il Consiglio provinciale aperto sulla figura di Gian Carlo Menotti inventore del Festival dei Due Mondi

Ven, 27/01/2012 - 16:29

Condividi su:


Tutto esaurito sia in fatto di posti che di personalità presenti. Il ricordo a cent’anni dalla nascita , del Consiglio provinciale di Perugia ieri pomeriggio al Maestro Giancarlo Menotti è perfettamente riuscito. Il presidente del Consiglio provinciale, Giacomo Leonelli, ha introdotto gli altri interventi sul grande compositore che scelse Spoleto per realizzare uno dei Festival al Mondo più autorevole e rappresentati: ovvero quello dei Due Mondi. “A Menotti – ha spiegato il presidente Leonelli – dobbiamo la grande intuizione di fare dell’Umbria, della sua storia e delle sue cornici, il miglior palcoscenico per l’arte e la musica. Un esempio seguito anni dopo da altri grandi eventi e organizzatori. In un momento difficile per il Paese e per la nostra Umbria celebrare ancora grandi eventi vuole dire aver acquisito una culturale internazionale e allo stesso tempo puntare al binomio cultura-territorio”. Dello stesso avviso anche l’assessore alla cultura, Donatella Porzi: “Il festival dei Due Mondi permise a Spoleto di essere conosciuta in grande parte dell’Mondo, di migliorare la sua offerta turistica e culturale e quindi di dare fiato anche all’economia locale che era provata da anni di crisi post-conflitto bellico. Un esempio per tutti coloro che oggi Umbria continuano ad investire in cultura o progettano l’arte”. Per il senatore Franco Asciutti “A Menotti dobbiamo quel ponte Usa-Spoleto su cui sono transitati turisti, celebrità, poeti come Pablo Neruda, grandi melodie e nuovi rapporti internazionali che hanno portato fuori dall’isolazionismo l’Umbria”. Al consiglio provinciale aperto hanno partecipato inoltre l’Assessore Regionale alla Cultura Fabrizio Bracco, il Presidente di “ItaliaFestival”, Associazione Nazionale dei Festival Italiani, Professore Franco Punzi, e numerosi presidenti di fondazioni culturali e i direttori artistici.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!