Grande Fratello al lavoro, il controllo a distanza

Grande Fratello al lavoro, il controllo a distanza di dipendenti e collaboratori

Redazione

Grande Fratello al lavoro, il controllo a distanza di dipendenti e collaboratori

Il rapporto lavorativo è soggetto a localizzazione e monitoraggio, vediamo come e quando | A cura di ANCLSU UP
Gio, 29/10/2015 - 12:03

Condividi su:


In questo periodo molte persone si stanno chiedendo se, alla luce della nuova riforma del lavoro che si è perfezionata proprio nel mese scorso, oggi esiste la possibilità concreta di essere “spiati” sul posto di lavoro.

Si deve innanzitutto tener conto del fatto che il lavoro si è ormai tecnologizzato e che le attrezzature che normalmente usiamo permettono di localizzare, controllare i movimenti, i comportamenti e i contatti.

Questo accade anche ai lavoratori.

Le regole precedenti risultavano pertanto “antiquate” rispetto al mondo di oggi e alle possibilità e responsabilità derivanti dalla tecnologia che ha investito tutti gli aspetti della vita e quindi anche del lavoro.

Le nuove regole sembrano essere effettivamente indirizzate verso una maggiore capacità di controllo da parte del datore di lavoro sugli strumenti aziendali messi a disposizione del lavoratore, ma ciò non significa libertà di spiare.

Innanzitutto occorre fare una distinzione per ciò che riguarda gli impianti audiovisivi e le altre attrezzature: i primi devono essere sempre autorizzati, secondo apposite procedure ed in ogni caso non possono essere utilizzati per valutare la prestazione di lavoro o per spiare i comportamenti di chi lavora.

Lo scopo di questi impianti, al di là delle esigenze organizzative e produttive o di sicurezza del lavoro, è difensivo.

Una delle novità principali è infatti la possibilità di utilizzare gli apparecchi a tutela del patrimonio aziendale, quindi per intenderci in caso di sospetti furti o altri danni anche da parte del lavoratore.

Per quanto riguarda gli altri strumenti aziendali, quindi non quelli privati o ad uso promiscuo, che permettono un controllo a distanza, quindi pc, smartphone e altri, non è più prevista la richiesta di autorizzazione, pertanto informazioni raccolte potrebbero essere utilizzate a tutti i fini connessi al rapporto di lavoro.

La condizione però per cui possa avvenire un controllo è che sia data al lavoratore adeguata informazione delle modalità d’uso degli strumenti aziendali e sulle modalità di controllo e che si agisca nel rispetto delle disposizioni in materia di privacy.

Fatte le dovute considerazioni, ad oggi quindi gli strumenti elettronici aziendali possono essere utilizzati per acquisire informazioni sull’attività lavorativa e queste informazioni possono essere utilizzate anche fini disciplinari, la sensazione di essere sempre osservati potrebbe esserci, ma in fondo oggi è forse questa la condizione a cui ormai dobbiamo abituarci al lavoro e fuori perché tutte le innovazioni hanno luci ed ombre.

Claudia Gaudenzi, Praticante Consulente del Lavoro

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!