Foligno, a Palazzo Trinci inaugurata “La Bottega dei Trinci” - Tuttoggi

Foligno, a Palazzo Trinci inaugurata “La Bottega dei Trinci”

Redazione

Foligno, a Palazzo Trinci inaugurata “La Bottega dei Trinci”

Per il sindaco di Foligno, Nando Mismetti, “questo spazio rappresenta l’identità di un territorio”
Gio, 18/10/2018 - 19:22

Condividi su:


Libri d’arte, carte di pregio fatte a mano ma anche tisane e prodotti tipici del territorio: è quanto contiene “La Bottega dei Trinci”, inaugurata stamani nel cortile di Palazzo Trinci.

Lo spazio, recuperato da un locale che fungeva da magazzino grazie ad un contributo della Regione Umbria, vuole essere un nuovo modello di accoglienza per il visitatore dove accanto alla tradizionale offerta del book-shop è possibile trovare anche prezzi di artigianato locale e prodotti della zona.

Letizia Casuccio, direttore generale area centro sud Coopculture, ha annunciato che “nei prossimi giorni ci sarà una chiamata pubblica di tutte le associazioni per animare al meglio il cortile di Palazzo Trinci”. Per il sindaco di Foligno, Nando Mismetti, “questo spazio rappresenta l’identità di un territorio”. Il sindaco ha accennato alla possibilità di completare l’ampliamento dell’offerta di spazi funzionali a Palazzo Trinci con il progetto per collegare fisicamente lo spazio appena recuperato con un altro locale che si trova su via Gramsci. Alla cerimonia di inaugurazione sono intervenuti, tra gli altri, Rita Barbetti, vicesindaco, l’assessore al turismo, Giovanni Patriarchi.

Nella “Boottega dei Trinci”, tra le altre cose, sarà possibile trovare una particolare offerta di carte di pregio. Le cartiere sono, infatti, da sempre un elemento che caratterizza Foligno e il suo territorio. I visitatori potranno acquistare le carte fini di Fedrigoni, quelle della cartoleria Fabriano Boutique (il più importante centro di produzione di carta d’Europa); le Carte tibetane interamente fatte a mano (impasto e colore, stese a mano ed essiccate al sole); Carte Speciali ottenute dalla lavorazione di residui agro-industriali (agrumi, olive, nocciole, mandorle) o ricavate dalla lavorazione di residui di alghe della Laguna di Venezia. Ci saranno anche esempi di carta riciclata al 100 per cento, ottenuta dalla raccolta e dalla macinazione di scarti urbani.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!