"Fino a 7 ore di fila per un tampone", l'odissea al drive through di Cerbara - Tuttoggi

“Fino a 7 ore di fila per un tampone”, l’odissea al drive through di Cerbara

Davide Baccarini

“Fino a 7 ore di fila per un tampone”, l’odissea al drive through di Cerbara

Mar, 11/01/2022 - 10:53

Condividi su:


Nella giornata di ieri (10 dicembre) centinaia di cittadini chiusi in auto per ore e ore senza mangiare né andare in bagno, alcuni con a bordo bambini piccolissimi "Situazione e caos non giustificabili" | Bettarelli (Pd) annuncia interrogazione urgente

Fino a 7 ore in fila per fare un tampone, chiusi in auto e, addirittura, senza pranzare né andare in bagno: questa la situazione che hanno vissuto ieri (10 gennaio) centinaia di cittadini (tra cui anche donne incinte e bambini) al drive-through di Cerbara (Città di Castello).

Sono molte le testimonianze, denunciate anche via social, dove alcuni tifernati raccontano di una vera e propria odissea vissuta a bordo delle proprie vetture. “Siamo stati in fila dalle 9.30 alle 16.15 – racconta una coppia – Non è colpa degli operatori in servizio ovvio….ma la situazione oggi non era giustificabile. Quasi 7 ore per un tampone con una bimba in macchina. Vogliamo ogni tanto ammettere che le cose non funzionano e che devono essere organizzate meglio da chi è stipendiato per farlo? E’ giusto denunciare una situazione completamente fuori controllo…

Noi dalle 10.30 siamo tornati alle 18 – dice un altro tifernate – Senza mangiare ovviamente. Nessuno ha fatto scene isteriche e nessuno se l’è presa con gli operatori ma non è giustificabile una situazione di questo tipo. Il nostro quarto tampone nel giro di un mese ed in 3 ore al massimo ce la siamo sempre cavata. Oggi è stato il caos più completo e ingiustificato. È inutile fissare così tanti tamponi in un giorno se poi non si riesce efficacemente a gestire la situazione in entrata e in uscita”.

Covid, contagio corre in Altotevere | Secondi ora pretende centro vaccinale a Castello

Sul caso – oltre ad un ulteriore cittadino che per le prossime volte consiglia ironicamente di “portarsi il pranzo al sacco” – è intervenuto anche il consigliere regionale Michele Bettarelli (Pd) che, in proposito, ha annunciato un’interrogazione urgente, chiedendo alla Giunta quali siano state “le cause che hanno portato a queste file interminabili, se sia intenzionata a potenziare o attivare un altro drive through nell’Altotevere e se s’intende assumere personale da destinare a questo importante servizio“.

Il caso di Città di Castello – prosegue Bettarelli – conferma ormai l’incapacità strutturale di questa Giunta regionale a porre rimedio ai veri problemi dei cittadini, così come a dare risposte adeguate agli operatori sanitari sottoposti da mesi a turni massacranti. La situazione di Cerbara ha svelato come la mancata attivazione di corsie preferenziali per disabili, donne in gravidanza e bambini, più volte richiesta e mai realizzata, unita alla carenza di personale, può creare disagi enormi e portare le strutture pubbliche al collasso e i cittadini all’esasperazione”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!